BUZZ BORSA-Mps sopra minimi ma debole, pesano impasse M&A, bad bank, discesa Btg

mercoledì 9 dicembre 2015 11:46
 

** Qualche acquisto speculativo sui minimi non basta a far tornare il sorriso a Mps che a metà mattina resta negativa in un contesto bancario ancora generalmente debole.

** Il titolo senese sembra tuttavia pagare, più degli altri, lo scotto dell'incertezza che permea il settore probabilmente perché presenta un asset quality più debole.

** A ciò si aggiunge l'impasse sul fronte della bad bank sponsorizzata dal Tesoro e sul fronte aggregazioni così come le indiscrezioni sulla discesa sotto 1% dell'azionista Btg Pactual nei giorni scorsi.

** "Dal punto di vista dei fondamentali non è cambiato nulla. L'unica novità è che Btg avrebbe venduto. Che la bad bank non ci sarà lo si sa da tempo così come si sa che non ci sarà breve nessun M&A", commenta un analista di un broker estero non citabile. "La debolezza delle banche italiane di ieri è legata all'incertezza che penalizza le banche con minor asset quality", è il commento flash di un analista di un broker italiano non citabile.

** Mps è delle banche italiane con il volume di sofferenze più alto: nei primi nove mesi le sofferenze lorde si attestavano a 26,3 miliardi (9,5 miliardi al netto delle rettifiche) su un totale di crediti deteriorati di 47,5 miliardi (24,3 miliardi al netto delle rettifiche). Nell'ultima conference call la banca prevedeva cessioni di crediti deteriorati nel quarto trimestre per 1,1 miliardi.

** Alle 11,25 il titolo cede il 2,20% a 1,242 euro dopo aver toccato un nuovo minimo a 1,209 euro. Volumi già superiore alla media dell'ultimo mese sull'intera seduta. Mps ha chiuso con segno negativo le ultime sette sedute e da inizio anno ha ceduto il 34%.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...