Accordo governi euro zona su linee credito fino a 55 mld per Fondo risoluzione

martedì 8 dicembre 2015 16:11
 

BRUXELLES, 8 dicembre (Reuters) - I governi della zona euro hanno deciso di fornire linee di credito fino a 55 miliardi di euro per coprire il costo di salvataggi di banche in crisi fino a quando il Fondo di risoluzione europeo non avrà ricevuto i contributi sufficienti dalle banche dell'area.

Il Fondo unico di risoluzione, previsto nel nuovo meccanismo europeo, è parte delle nuove regole di vigilanza europea previste dall'Unione bancaria.

"Gli Stati membri che partecipano all'Unione bancaria concordano nel realizzare un sistema di accordi di finanziamento ponte in modo da garantire che il Fondo unico di risoluzione abbia risorse sufficienti durante il periodo transitorio", scrivono in una nota i ministri finanziari dell'Unione europea.

Dal 2016, ricorda la nota, ogni stato membro parteciperà a questo accordo armonizzato di finanziamento al Fondo di Risoluzione, fornendo una linea di credito nazionale individuale per coprire il proprio comparto nazionale del Fondo in caso di incapienza per necessità di salvataggio di banche degli Stati aderenti.

I ministri hanno detto che inizialmente l'ammontare massimo aggregato di queste linee di credito sarà di 55 miliardi di euro, cioè la dotazione che il Fondo dovrà a avere a regime, dopo otto anni di contribuzione a partire dal 2016.

L'ammontare della linea di credito di ciascun Paese sarà corrispondente a quella dovuta a titolo di contribuzione al Fondo dalle banche del Paese.

"L'ammontare aggregato e la ripartizione verranno riviste alla fine del 2017 o prima, qualora uno stato membro non-euro dell'area aderisca alla Unione bancaria", dicono i ministri.

Le linee di credito, spiegano nella nota i ministri, costituiscono un backstop, una misura finale di salvaguardia, da attivare solo quando tutte le altre fonti finanziarie si siano esaurite, incluso il bail-in di azionisti, obbligazionisti junior e senior e infine depositanti come previsto dalla direttiva sul risanamento e risoluzione delle crisi bancarie.

Il Fondo di risoluzione può anche prendere a prestito soldi, coperti dai futuri contributi delle banche e anche questa opzione deve essere stata utilizzata prima che possano essere attivate le linee di credito.   Continua...