Zucchi spera in accordo ristrutturazione prima di assemblea

mercoledì 2 dicembre 2015 11:36
 

MILANO, 2 dicembre (Reuters) - Zucchi spera di arrivare all'accordo di ristrutturazione del debito con le banche creditrici prima dell'assemblea del 22 dicembre, che dovrà decidere quali provvedimenti adottare per riportare il capitale sopra i limiti legali.

Lo si legge nella relazione illustrativa predisposta dal Cda in vista della riunione dei soci chiamata ai sensi dell'articolo 2447 del codice civile (eccesso di perdite sul capitale).

Attualmente Zucchi, "affiancata anche dal potenziale investitore Astrance Capital, sta definendo con le banche finanziatrici un nuovo accordo", dice la relazione.

Astrance ha presentato un'offerta vincolante che prevede l'acquisto di GB Holding, il veicolo attraverso cui Gianluigi Buffon controlla Zucchi, e un aumento di capitale da 10 milioni di euro "subordinatamente al perfezionamento della ristrutturazione del debito della società ex articolo 182-bis della Legge Fallimentare".

Alla data dell'assemblea del 22 dicembre si potranno configurare tre scenari alternativi, spiega la relazione: quello in cui l'accordo di ristrutturazione sarà stato sottoscritto e depositato presso il Tribunale competente per l'omologa, "con il conseguente venir meno in capo alla società della situazione ex articolo 2447 codice civile"; quello in "vi saranno elementi tali per cui sia ragionevole ritenere" che l'accordo verrà raggiunto "a breve" e allora il Cda proporrà di rinviare la seduta; infine, il caso in cui "le banche finanziatrici avranno interrotto le trattative". In questa situazione il Cda potrà proporre ai soci di assumere provvedimenti per il ripianamento delle perdite cumulate (pari a 46,5 milioni al 30 settembre) "quali la riduzione del capitale sociale e l'aumento del medesimo ad una cifra non inferiore al minimo legale".

Zucchi "ritiene di poter procedere al deposito del ricorso ex art. 182-bis della Legge Fallimentare prima della data dell'assemblea".

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

  Continua...