Banche Ue, livello sofferenze preoccupa, media Italia 16,7% a fine giugno -Eba

martedì 24 novembre 2015 18:54
 

LONDRA, 24 novembre (Reuters) - L'autorità europea per la supervisione del sistema finanziario Eba definisce il livello dei crediti deteriorati fonte di "grave preoccupazione", indicando per l'Unione europea una media pari a 5,6%, oltre il doppio rispetto agli Stati Uniti.

Aggiornati al 30 giugno scorso, i dati Eba mettono in luce come tra i primi nella classifica delle sofferenze tra i Paesi dell'Unione europea - in totale circa 1.000 miliardi di euro, ovvero il prodotto interno lordo spagnolo o il 7,3% del Pil Ue - stanno gli istituti di credito italiani, con 'non performing loan' pari a 16,7% del totale.

In termini non assoluti ma percentuali, sempre al 30 giugno, peggio delle banche italiane sono messe le cipriote, con una media di circa 50%, seguite dalle slovene a 28,4%, dalle irlandesi al 21,5% e dalle ungheresi al 18,9%.

Nel caso dell'Italia, dice Eba, i crediti deteriorati corrispondono a 17,1% del Pil, mentre in quello della Spagna la percentuale è equivalente al 15,8% del Pil.

Sul totale delle 105 banche prese in esame dall'Eba in 20 paesi Ue insieme alla Norvegia, campione di virtù risultano le svedesi, con sofferenze limitate a 1,1% sul totale dei crediti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia