Buyback bond Regioni, aderiscono sei su otto - fonti

martedì 24 novembre 2015 17:49
 

MILANO, 24 novembre (Reuters) - Le Regioni Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche e Puglia procederanno al riacquisto delle proprie obbligazioni, nell'ambito del progetto di buyback dei bond regionali lanciato l'anno scorso dal Tesoro e poi ripreso negli scorsi mesi.

Lo riferiscono a Reuters due fonti vicine alla situazione.

Contestualmente al riacquisto dei bond e alla chiusura dei relativi derivati le regioni stipuleranno mutui trentennali con il Tesoro, che consentiranno agli enti, come nelle intenzioni del programma, di allungare le scadenze e di ridurre gli interessi pagati sul debito.

A rimanere fuori dalla partita, delle otto regioni coinvolte, saranno Piemonte e Abruzzo, anche se al momento quest'ultima non ha ancora ufficializzato la propria rinuncia.

Secondo una delle fonti, tutte le sei regioni hanno fatto giungere al Tesoro la loro accettazione formale, a conclusione del processo di confronto sui prezzi di riacquisto tra amministrazioni e detentori dei bond, coadiuvato dai quattro adviser Barclays, Bnp Paribas, Citigroup e Deutsche Bank.

Domani 25 novembre dovrebbe avere luogo la firma degli atti propedeutici al lancio dell'offerta di riacquisto vera e propria, che il Tesoro potrebbe annunciare entro la settimana. Entro la prima metà di dicembre l'operazione dovrebbe concludersi.

Per il progetto il Tesoro aveva messo a disposizione la cifra di 8,7 miliardi. Considerando che i bond di Piemonte e Abruzzo, che non verranno riacquistati, ammontano complessivamente a circa 2,5 miliardi, l'importo dell'operazione dovrebbe risultare intorno ai 6,2 miliardi, spiega una fonte.

ALLUNGAMENTO SCADENZE E RIDUZIONE ONERI   Continua...