Piemonte, Chiamparino verso dimissioni da conferenza Regioni

giovedì 22 ottobre 2015 15:35
 

ROMA, 22 ottobre (Reuters) - Sergio Chiamparino ha annunciato la volontà di dimettersi dalla guida della conferenza delle Regioni a causa del disavanzo accumulato dal Piemonte, del quale è governatore.

Il problema nasce dalla sentenza della Corte costituzionale che ha certificato un deficit di 5,3 miliardi nel 2013 in capo al Piemonte.

Il giudice delle leggi ha ritenuto illegittimo l'uso fatto della liquidità prestata dal Tesoro per pagare i debiti commerciali verso i fornitori privati.

L'amministrazione di Roberto Cota, pretendente a quella di Chiamparino, ha usato parte di quei fondi per mantenere basso l'indebitamento e finanziare nuove spese correnti.

Per effetto della sentenza della Consulta, le conseguenze di questa prassi si sono trascinate agli esercizi successivi. Il 20 ottobre, infatti, la Corte dei conti ha certificato un disavanzo per il 2014 di quasi 6 miliardi.

Chiamparino precisa che le sue dimissioni sono "congelate per portare avanti la posizione delle Regioni sulla legge di Stabilità", cioè la richiesta al governo di inserire in manovra una misura che risolva il problema, che riguarda anche altre Regioni italiane.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia