Italia, Bce accoglie con favore decreto recepimento direttiva bail-in

lunedì 19 ottobre 2015 14:58
 

FRANCOFORTE, 19 ottobre (Reuters) - La Banca centrale europea ha espresso il suo apprezzamento per il decreto legislativo con cui il governo italiano si appresta a recepire la direttiva sulle crisi bancarie e che assegna alla Banca d'Italia poteri di intervento per gestire le difficoltà o i dissesti degli istituti di credito.

Il decreto legislativo che recepisce la direttiva è stato approvato in via preliminare dal consiglio dei ministri lo scorso 10 settembre, è attualmente all'esame delle commissioni parlamentari per il parere non vincolante e tornerà a Palazzo Chigi dopo il 15 novembre. Le nuove regole sul salvataggio o la liquidazione delle banche in crisi con l'eventuale coinvolgimento di azionisti e bondholder entranno in vigore dal 2016.

I paesi europei stanno introducendo localmente le nuove leggi per implementare la direttiva dell'Unione Europea sul risanamento e la risoluzione delle banche (BRRD) approvata l'anno scorso. La direttiva stabilisce che siano gli azionisti e i creditori delle banche a farsi carico di una quota dei costi derivanti dal dissesto mediante un meccanismo noto come "bail-in".

"La Bce dà il suo benvenuto alla bozza di decreto legislativo in quanto rafforza gli strumenti e le procedure a disposizione della Banca d'Italia per adottare misure preventive efficaci, interventi tempestivi e misure di risoluzione efficaci in linea con la cornice comune dei poteri di intervento, delle regole e delle procedure esposte nella direttiva", ha detto la Bce in un parere legale.

L'entrata in vigore del decreto legislativo che recepisce la direttiva Ue sul bail-in è una delle condizioni perche il fondo interbancario di tutela dei depositi intervenga nella crisi di Banca Marche sottoscrivendo un aumento di capitale.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia