Fondi,raccolta monetari a max due anni su timori Fed,frenata globale-BAML

venerdì 9 ottobre 2015 15:51
 

LONDRA, 9 ottobre (Reuters) - Investitori preoccupati per la congiuntura globale e per la politica della Federal Reserve hanno fatto confluire 53 miliardi di dollari nei fondi monetari nell'ultima settimana, con riscatti sui prodotti azionari e obbligazionari, secondo Bank of America Merrill Lynch.

I dati di BAML, che includono le statistiche a cura di EPFR Global, mostrano che la raccolta dei prodotti che investono in liquidità è balzata ai massimi di due anni nella settimana che si è chiusa il 7 ottobre scorso, a fronte di riscatti per 4,3 miliardi sugli azionari e per 2,4 miliardi sugli obbligazionari.

I fondi azionari hanno perso denaro per tre settimane di fila e i fondi obbligazionari hanno perso in otto delle ultime nove settimane, si legge.

I fondi azionari Usa hanno registrato deflussi record settimanali per 5 miliardi, trentesima settimana in rosso su quaranta da inizio anno.

Le azioni tedesche e giapponesi hanno registrato deflussi pesanti. L'equity di Tokyo ha registrato una perdita di 2 miliardi, peggior risultato dal quarto trimestre 2014, sottolinea EPFR, notando che la debolezza dei consumi e degli investimenti delle imprese scoraggia gli investitori.

I fondi azionari europei, tuttavia, hanno prolungato la striscia vincente, con afflussi per 2 miliardi, soprattutto grazie al programma di acquisto di asset della Bce.

I mercati azionari dei paesi emergenti nei primi nove mesi dell'anno hanno registrato deflussi per 60 miliardi. Ma c'è un barlume di speranza: i deflussi del'ultima settimana, 600 milioni, rappresentano il miglior risultato da luglio.

I flussi verso i fondi azionari russi sono saliti ai massimi da ventitré settimane. Un rapporto di Gazprombank, citato da EPFR, vede afflussi per 100 milioni.

"Il peggio è passato per i mercati emergenti", sostiene BAML. "Il ristagno dei deflussi dall'azionario dimostra che l'accoppiata mercato del lavoro Usa deludente e dollaro debole ha rappresentato un'ottima notizia per i mercati emergenti e per tutti gli asset legati alle materie prime".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia