SCHEDA-Grecia, il pacchetto di proposte di riforma inviato a creditori

venerdì 10 luglio 2015 11:09
 

ATENE/FRANCOFORTE, 10 luglio (Reuters) - Il governo greco ha inviato ieri sera un pacchetto di proposte di riforma ai suoi creditori della zona euro, come base per un accordo che permetta la concessione di nuovi aiuti internazionali al paese, evitandone la bancarotta.

Ecco le principali proposte contenute nel pacchetto, in cambio delle quali la Grecia chiede nuovi aiuti ai creditori per 53,5 miliardi di euro per coprire le scadenze sul debito fino al 2018:

SURPLUS PRIMARIO - La proposta greca stabilisce un obiettivo dell'1% del Pil nel 2015 e del 2% nel 2016. Atene chiede tuttavia ai creditori una revisione nei prossimi quattro anni dei target di surplus primario a causa del cambiamento della situazione economica e finanziaria.

PENSIONI - Il governo punta a realizzare risparmi per l'1% del Pil nel 2016, riducendo i prepensionamenti; in ottobre verrà lanciata una riforma complessiva della legislazione pensionistica; nel frattempo verrà sospesa la clausola di zero deficit sulle pensioni. Il sistema di indennità di solidarietà sociale sulle pensioni (noto come 'Ekas') sarà progressivamente eliminato per tutti i pensionati entro il dicembre del 2019.

IVA - Il governo acconsente all'abolizione degli sgravi a favore delle isole entro il 2016 e stabilisce l'innalzamento dell'imposta per i ristoranti, al 23%, e per gli hotel, al 13%.   Continua...