Lavoro, perdita gettito con incentivi fino a 2016 di 10 mld anno - Inps

mercoledì 8 luglio 2015 11:56
 

ROMA, 8 luglio (Reuters) - Gli incentivi per le assunzioni con i contratti a tutele crescenti previste nella legge di Stabilità 2015 sono "troppo costosi", secondo l'Inps e, se protratti a tutto il 2016, potrebbero portare a una perdita di gettito di 10 miliardi annui.

Lo ha detto il presidente dell'Istituto, Tito Boeri, illustrando la sua relazione annuale alla Camera.

Rilevando come nei primi 4 mesi del 2015 sia raddoppiata rispetto alla fine del 2014 la percentuale di nuove assunzioni con contratti stabili, Boeri ha notato che ciò è dovuto in parte ai "potenti incentivi fiscali" ma anche alla introduzione da marzo dei contratti a tutele crescenti.

"Questo è importante perché incentivi fiscali così potenti difficilmente potranno essere mantenuti in vita per lungo tempo", dice Boeri secondo il quale "col tasso attuale di assunzioni a tempo indeterminato e percentuale di contratti che godono dell'incentivo (attorno al 60%) si può stimare che la perdita di gettito a regime di una decontribuzione triennale valida solo a partire dal 2015 sia di circa 5 miliardi. Se la decontribuzione dovesse continuare anche per tutto il 2016, al tasso attuale di assunzione e di utilizzo degli incentivi, il costo salirebbe a 10 miliardi su base annua".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia