SINTESI-Grecia, Varoufakis lascia per agevolare colloqui, al suo posto Tsakalotos

lunedì 6 luglio 2015 17:43
 

* Varoufakis si dimette, sostituito da Tsakalotos

* Tsipras chiama Merkel, promette nuove proposte per domani

* Partiti di maggioranza e opposizione sostengono governo per nuovo accordo

ATENE/FRANCOFORTE, 6 luglio (Reuters) - Il ministro delle Finanze greco si è dimesso oggi, eliminando uno dei principali ostacoli a qualsiasi accordo per mantenere Atene nella zona euro, dopo che i greci hanno respinto il nuovo programma di austerity proposto dai creditori internazionali in cambio di aiuti.

Il primo ministro Alexis Tsipras ha promesso alla cancelliera tedesca Angela Merkel che la Grecia porterà nuove proposte per un accordo al summit di emergenza dei leader della zona euro che si terrà domani, secondo quanto riferito da un funzionario greco. Non è chiaro in cosa differirà da altre proposte respinte in passato.

In una nota congiunta, i partiti di maggioranza e opposizione hanno detto di appoggiare gli sforzi del governo per un nuovo accordo.

Funzionari a Bruxelles e Berlino sostengono che un'uscita della Grecia dalla moneta unica appaia ora sempre più probabile, ma ritengono anche i colloqui per evitare che questo accada siano più semplici senza la presenza di Yanis Varoufakis, economista dichiaratamente marxista che ha fatto infuriare i suoi colleghi della zona euro con il suo stile informale, oltre ad avere sostenuto la campagna del no per il referendum accusando i creditori di "terrorismo".

"Sono consapevole di una certa 'preferenza' da parte di alcuni partecipanti all'Eurogruppo e 'partner' assortiti...per la mia 'assenza' dai loro meeting; un'idea che il primo ministro giudica potenzialmente di aiuto nel raggiungere un accordo", ha spiegato Varoufakis in una nota.

Il suo sacrificio lascia intendere che Tsipras sia determinato a tentare di raggiungere un compromesso dell'ultima ora con i leader europei.   Continua...