PUNTO 1-Grecia, Draghi difende riforma delle pensioni e del fisco

mercoledì 1 luglio 2015 15:43
 

(Aggiunge dichiarazioni, dettagli)

FRANCOFORTE, 1 luglio (Reuters) - In una lettera a un europarlamentare diffusa oggi, il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha difeso il sistema pensionistico greco concordato nell'ambito del pacchetto di salvataggio.

"Le misure sul sistema pensionistico sono state concepite per essere progressive e sono state in gran parte applicate soprattutte sulle pensioni superiori a 1.000 euro", ha scritto ieri Draghi a Notis Marias.

"L'obbietivo della riforma è aumentare... la correttezza del sistema pensionistico e garantire la sostenibilità del sistema anche per le generazioni che verranno".

Una delle tre condizioni richieste oggi dal premier greco Alexis Tsipras per accettare il pacchetto di riforme in cambio di aiuti da parte dei creditori internazionali è il rinvio dell'eliminazione di un contributo di solidarietà per le pensioni più basse.

Nella missiva Draghi ha anche difeso la riforma del sistema fiscale greco.

"Un importante obbiettivo omnicomprensivo di queste riforme è l'equità sociale e la creazione di un ambiente in cui tutti i cittadini paghino la loro giusta parte di tasse e in cui i tassi fiscali possono di conseguenza essere più bassi che in un contesto di ampia evasione fiscale".

Il consiglio direttivo Bce si riunisce oggi a Francoforte per decidere se mantenere o tagliare il programma Ela, i fondi di emergenza a disposizione delle banche greche.

(John O'Donnell)

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia