PUNTO 1-UniCredit, chiuso buyback bond subordinati, adesioni per 68%

martedì 30 giugno 2015 12:08
 

(Riscrive con dettagli, contesto, cambia titolo)

MILANO, 30 giugno (Reuters) - Si è chiusa con adesioni per un valore nominale aggregato di 1,019 miliardi, pari al 68% dei titoli in circolazione, l'operazione di riacquisto di due obbligazioni subordinate Tier2 da parte di UniCredit.

Lo annuncia una nota della banca, in cui si spiega che ad oggi "non si sono verificati, a livello nazionale e/o internazionale, eventi negativi che possano essere qualificati come material adverse change ai sensi della condizione Mac" e che pertanto "l'offerta ha efficacia".

L'offerta - che si è svolta dal 10 al 26 giugno - riguardava il bond subordinato Tier2 febbraio 2022, a tasso variabile, in circolazione per 749,95 milioni, con un prezzo di riacquisto di 101,80 e il bond marzo 2022, a tasso variabile, in circolazione per 749,94 milioni, e prezzo di riacquisto di 101,85.

I due bond sono stati consegnati in offerta rispettivamente per il 67,46% e il 68,47% del loro importo in circolazione.

L'operazione, come spiegato dalla banca al momento dell'annuncio, ha l'obiettivo di "ottimizzare la composizione delle proprie passività, riacquistando i titoli esistenti che non sono più computabili nel capitale di classe 2 dell'emittente e risultano conseguentemente inefficienti sotto il profilo regolamentare".

Tra aprile e maggio Unicredit aveva già realizzato un analogo buy back su sette bond subordinati con scadenze nel 2020 e 2021, raccogliendo adesioni complessive per 1,386 miliardi, circa il 60,% dei titoli oggetto d'offerta.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia