Grecia, Tsipras: creditori hanno respinto alcune proposte riforma

mercoledì 24 giugno 2015 12:11
 

ATENE, 24 giugno (Reuters) - Il premier greco Alexis Tsipras ha detto ai suoi alleati che i creditori non hanno accettato alcune proposte di riforma presentate dal governo per sbloccare gli aiuti necessari ad evitare il default di Atene a fine mese.

Lo riferisce un funzionario del governo, aggiungendo che Tsipras avrebbe legato l'atteggiamento dei creditori alla mancanza di volontà di giungere a un accordo o all'asservimento a interessi specifici in Grecia.

I commenti di Tsipras arrivano a poche ore dal suo incontro a Bruxelles con i massimi rappresentati dei tre creditori internazionali di Atene - Commissione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale, spiega il funzionario in una dichiarazione.

Non viene precisato quali proposte di Tsipras siano state respinte, nè quali delle tre istituzioni sia colpevole dello stallo.

"La non approvazione delle misure compensative non è mai accaduta prima. Né in Irlanda, né in Portogallo, in nessun posto", avrebbe detto Tsipras, secondo quanto riferito dal funzionario. "questo strano atteggiamento può solo significare due cose: o non vogliono l'accordo, o sono al servizio di interessi specifici in Grecia".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia