Fisco, Cassazione ammette uso lista Falciani come fonte di prova

martedì 28 aprile 2015 15:06
 

ROMA, 28 aprile (Reuters) - La sesta sezione civile della Cassazione ha autorizzato l'amministrazione fiscale ad usare la 'lista Falciani' come fonte di prova, rendendo più semplice perseguire gli evasori fiscali.

"L'amministrazione finanziaria nella sua attività di accertamento può, in linea di principio, avvalersi di qualsiasi elemento con valore indiziario", si legge nella sentenza depositata in cancelleria oggi che chiude il primo processo istruito a causa della lista.

Hervé Falciani è l'informatico che ha trafugato i nomi di oltre 7.000 clienti, tra cui molti italiani, della filiale svizzera di Hsbc.

Finora l'Agenzia delle entrate ha considerato la lista Falciani sostanzialmente inutilizzabile perché frutto di materiale rubato.

Ora, però, le carte sono cambiate. La sentenza stabilisce infatti che sono utilizzabili "i dati bancari acquisiti dal dipendente infedele di un istituto bancario, senza che assuma rilievo l'eventuale reato commesso dal dipendente stesso e la violazione del diritto alla riservatezza dei dati bancari".

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia