Biotech, tavolo per salvare Nms, interesse da farmaceutiche

mercoledì 8 aprile 2009 17:24
 

MILANO, 8 aprile (Reuters) - Le istituzioni politiche si mobilitano per il salvataggio del centro biotecnologico Nerviano Medical Sciences (Nms), tanto che il presidente della società, Umberto Rosa, "fa trapelare un cauto ottimismo", si legge in un comunicato. Il prossimo 16 aprile, riferisce una fonte vicina alla vicenda, si terrà un tavolo istituzionale fra la Regione Lombardia e i ministeri competenti (Attività Produttive e Ricerca). L'obiettivo è reperire le risorse necessarie - circa 30 milioni di euro - per tenere in vita Nms fino a che l'advisor finanziario Rothschild non avrà selezionato il partner industriale in grado di garantire lo sviluppo futuro.

Domani, si legge in una nota di Nms, "si terrà un aggiornamento dell'assemblea dei soci", che è cominciata il 3 aprile scorso e che rimarrà aperta, "perché se si chiudesse bisognerebbe portare i libri in tribunale", aggiunge la fonte.

Sul fronte del partner industriale, la fonte spiega che "ci sono espressioni d'interesse da parte delle maggiori società farmaceutiche internazionali", ma le trattative "richiedono tempo".

E il tempo è una risorsa scarsa per Nms, visto che, come ha dichiarato recentemente Rosa, il patrimonio netto è negativo per 5 milioni. L'azionista unico di Nms, al momento, è la Congregazione dei Figli dell'Immacolata Concezione, ente vaticano che nel maggio 2008 aveva varato un aumento di capitale da 70 milioni di euro, al quale non ha mai dato seguito.

Nms ha accordi di ricerca con Bristol-Myers Squibb (BMY.N: Quotazione) e Genentech DNA.N, progetti di sviluppo comune su alcune molecole. Inoltre, Pfizer (PFE.N: Quotazione), da una cui costola è nato il centro di Nerviano, ha conservato una sorta di diritto di prelazione sull'acquisto delle molecole sviluppate.