SINTESI - Telecom Italia, cedola può salire, crisi non preoccupa

mercoledì 8 aprile 2009 20:33
 

(unisce storie, aggiunge dichiarazioni)

di Stefano Rebaudo

MILANO, 8 aprile (Reuters) - Telecom Italia (TLIT.MI: Quotazione) apre alla possibilità di un aumento della cedola nei prossimi esercizi, conferma gli obiettivi del piano e guarda senza preoccupazioni alla crisi finanziaria.

Lo hanno detto l'AD Franco Bernabè e il presidente Gabriele Galateri di Genola durante l'assemblea degli azionisti, ribadendo l'impegno in Brasile, dove Telecom Italia controlla Tim Participacoes TCSL4.SA e Argentina, dove controlla Telecom Argentina (TEC2.BA: Quotazione).

"Dobbiamo considerare che tale livello (la cedola 2008, 5 centesimi per le ord e 6,1 per le risp) è un 'floor' su cui costruire la crescita negli anni a venire", ha detto Bernabè.

Galateri ha garantito sui target del piano industriale presentato a dicembre 2008. "Abbiamo fiducia nel piano e siamo determinati a raggiungere gli obiettivi", ha detto.

Con Telefonica (TEF.MC: Quotazione) c'è un rapporto "costruttivo e trasparente", rispettoso dei limiti imposti dalle autorità, ha detto il presidente Telecom.

I vertici della società hanno escluso le ipotesi di aumento di capitale, cessione di TI Media TCM.MI, perchè al momento non valorizza l'asset al meglio e la conversione delle azioni di risparmio, anche se la struttura del capitale non è ottimale.   Continua...

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
SINTESI - Telecom Italia, cedola può salire, crisi non preoccupa | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,188.02
    +0.10%
  • FTSE Italia All-Share Index
    22,269.88
    +0.14%
  • Euronext 100
    969.01
    -0.22%