Monetario, cala o/n, derivati tassi estendono guadagni dopo Bce

venerdì 8 maggio 2009 12:18
 

MILANO, 8 maggio (Reuters) - Overnight in flessione fino in area 0,3% stamane sull'interbancario, dove i derivati sulla curva Euribor estendono i guadagni della vigilia, innescati, secondo UniCredit Mib, "da nuove misure per rivitalizzare il mercato monetario e dalle attese di tassi bassi per un periodo prolungato di tempo". Le scadenze fino a settembre 2010 aggiornano così i massimi all'indomani della prevista decisione Bce di ridurre di un quarto di punto il tasso sul rifinanziamento principale a 1% confermando invece lo 0,25% sui depositi marginali.

A monte del movimento anche le dichiarazioni del presidente Jean-Claude Trichet, che ha messo in chiaro come il consiglio non consideri il nuovo riferimento necessariamante il punto di minimo per i tassi europei.

"Il mercato non sconta al momento altre mosse ma sono parole molto sagge: fedele alla tradizione di non impegnarsi mai prima del tempo, Trichet precisa che la Banca centrale ha assoluta carta bianca e resta libera di intervenire come e quando meglio crede" commenta un operatore.

Annuncio chiave della conferenza stampa di ieri resta però il primo passo in direzione dell'allentamento 'quantitativo': la decisione di procedere all'acquisto di emissioni garantite per venire in aiuto a un segmento particolarmente colpito dalla crisi finanziaria.

"Va notato che l'acquisto diretto di asset potrebbe porre una leggera pressione al rialzo sulla parte lunga della curva, sia perché si tratta di obbligazioni private e non pubbliche sia perché gli acquisti potrebbero venire 'sterlilizzati' e controbilanciati da vendite di titoli di Stato", si legge in una nota di ieri sera a cura dell'economista capo UniCredit Marco Annunziata.

Il mercato accoglie comunque con favore un tono considerato il linea di massima più "coraggioso" del consueto da parte dell'istituto centrale di Francoforte.

Fissato all'ennesimo minimo il tasso Euribor trimestrale da 1,327% a 1,313%, ormai oltre quattro punti percentuali sotto i livelli record seguiti al crack Lehman dell'autunno scorso.

Poco dopo le 12 sulla strip Euribor i derivati si muovono al rialzo: guadagna un tick il futures giugno FEIM9 a 98,83, 25 millesimi settembre FEIU9 a 98,86 e 3,5 punti base dicembre FEIZ9 a 98,705.

Tra i depositi viaggia intorno a 0,3% il periodo overnight, in calo rispetto alla media Eonia fissata a ieri a 0,519% a riflesso dell'abbondanza di liquidità mentre si approssima la chiusura rob martedì prossimo.   Continua...