28 luglio 2008 / 11:04 / tra 9 anni

Monetario,derivati fermi, attesi extra-fondi a p/t per 15/18 mld

MILANO, 28 luglio (Reuters) - Il monetario mostra derivati sui tassi poco variati da venerdì, con il mercato che resta convinto che la Bce alzerà ancora una volta i tassi entro la fine dell‘anno di un altro quarto di punto.

Sul mercato a contante i tassi sono stabili in una situazione di fondi buoni. Le attese sono però per un p/t domani di 15/18 miliardi al di sopra del benchmark per far fronte alla scadenza di fine mese.

“Il mercato dei derivati è tranquillo oggi, con quotazioni poco sopra i livelli di venerdì, in una seduta che non vede grossi spunti dai dati macro” dice un tesoriere.

“Il mercato continua a prezzare ancora un rialzo dei tassi di 25 punti base entro la fine dell‘anno” aggiunge.

All‘inizio del mese la Bce ha alzato il costo del denaro al 4,25% dal 4,0% per far fronte al surriscaldamento dei prezzi.

La maggior parte degli analisti dice che un altro rialzo dei tassi sarebbe inopportuno perchè colpirebbe un‘economia che già ora sta dimostrando forte debolezza. Intorno alle 12,30 italiane sulla curva Euribor il contratto a settembre FEIU8 è a 94,985 (+0,010), dicembre FEIZ8 a 94,915 (+0,005) e marzo FEIH9 94,965 (+0,02).

Il differenziale con il tasso Eonia swap, considerato un indicatore del grado di fiducia nel confronti del mercato del credito, si mantiene attorno ai 60 punti base, dopo i livelli record di 80/90 raggiunti in primavera e a scavalco d‘anno scorso. Prima dell‘inizio della crisi, circa un anno fa, lo spread si aggirava tra i 5 e 10 punti base. Stamane lo spread sulla scadenza di 3 mesi è a 62 punti base.

Sul mercato del contante la situazione è stabile con una discreta quantità di numeri neri.

“Semmai qualche timore ci potrà essere per il fine mese, che per altro apre la via a un mese, agosto, che potrebbe dare qualche problema di cicolazione di liquidità” dice un tesoriere.

Proprio per questo i tesorieri si aspettano che la Bce al p/t di domani offra 15/18 miliardi oltre il benchmark, contro i 10 miliardi offerti la scorsa settimana.

Le stime sono per un benchmark, che verrà indicato oggi pomeriggio, sui 159/164 miliardi a fronte dei 175,5 miliardi in scadenza mercoledì.

Il saldo di venerdì era a 208,446 miliardi di euro con 78 milairdi di numeri neri. Quello di oggi è visto a 210 miliardi con 74 numeri neri che resteranno tali anche domani con un saldo a 215 miliardi.

Alle 12,30 circa l‘overnight viaggia attorno al 4,26/31%, a fronte di un Eonia che venerdì è stato fissato a 4,292%.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below