Usa emettano bond denominati in yuan - banchiere cinese

lunedì 8 giugno 2009 09:02
 

NEW YORK, 8 giugno (Reuters) - Un importante banchiere cinese ha chiesto al governo statunitense e alla Banca Mondiale di vendere bond denominati in yuan in Hong Kong e Shanghai per incoraggiare lo sviluppo di un mercato del debito in questi centri e promuovere l'uso internazionale della valuta cinese.

"Penso che il governo Usa e la Banca Mondiale possano considerare l'eventualità di emettere bond in renminbi nel mercato di Hong Kong e Shanghai" ha detto Guo Shuqing, il presidente della banca controllata dallo stato China Construction Bank (CCB) (0939.HK: Quotazione), la seconda maggiore banca del paese.

In un'intervista con Reuters, Guo sostiene che è nell'interesse degli americani vedere lo yuan diventare una valuta utilizzata a livello mondiale.

Guo ha detto di essere fiducioso che lo yuan diventerà una divisa globale nel medio-lungo termine. Secondo il banchiere Pechino continuerà progressivamente ad allentare i controlli sulla convertibilità della sua divisa, ma ha aggiunto che la Cina dovrebbe essere attenta a mantenere qualche forma di protezione contro la speculazione in contratti derivati legati allo yuan.