October 8, 2009 / 8:21 AM / 8 years ago

PUNTO 3 - Campari prezza bond 'unrated' 2016 da 350 milioni euro

4 IN. DI LETTURA

(riscrive attacco partendo da condizioni prezzo, aggiunge nota emittente)

MILANO, 8 ottobre (Reuters) - Prezzata al reoffer di 99,431 con una cedola di 5,375% pari a un premio di 245 punti base sul tasso 'mid swap' l'obbligazione priva di rating offerta oggi da Campari (CPRI.MI).

"Il prestito obbligazionario, che rappresenta la prima emissione di Campari sul mercato Eurobond, ha raccolto adesioni pari a un controvalore superiore a 2,7 miliardi, 9 volte l'ammontare inizialmente richiesto" dice un comunicato dell'emittente.

"La risposta del mercato è stata molto positiva tra gli investitori istituzionali sia in Italia che all'estero", continua.

Guidata dalle capofila Banca Imi, Bnp Paribas e Calyon, la transazione ha regolamento sul 14 ottobre prossimo e rientro 14 ottobre 2016.

Uno dei lead manager dell'operazione ha spiegato a Reuters che l'offerta è stata aumentata rispetto ai previsti 300 milioni a fronte dell'andamento degli ordini.

Si è contestualmente ridotto a 245 punti base rispetto a un'area di 250/260 tick l'indicazione di rendimento rispetto alla curva swap.

"Visto il libro ordini, l'emittente ha deciso di portare l'ammontare a 350 milioni rispetto ai circa 300 milioni ipotizzati inzialmente" ha detto una delle capofila.

Si tratta del primo bond italiano senza un rating esplicito da parte delle agenzie da almeno sei anni. Gli investitori indicano per l'emittente un rating indicativo del tipo 'investment garde', attorno a 'BBB+'.

La società ha messo a segno nel maggio scorso l'acquisto da Pernod Ricard (PERP.PA) di Wild Turkey, casa statunitense produttrice di bourbon, per poco più di 400 milioni di euro. "Per quell'acquisizione la società aveva acceso in aprile un prestito bancario attorno a 550 milioni di euro, che ora potrà essere in parte rifinanziato con questo bond" dice una fonte bancaria.

Primo Bond Unrated in Un Settore in Crescita

Campari ha fatto da apriprista con il suo bond unrated, in un settore che ha già visto nel resto dell'europa una consistente offerta.

Gli investitori infatti, con in mano una fortissima liquidità, sono alla ricerca di buoni rendimenti, alternativi a quelli volatili di borsa e risicati dei titoli di Stato. Mentre d'altro canto le società con esigenze di finanziamento hanno trovato a volte il mercato bancario meno conveninete di quello obbligazionario.

Per questi emittenti senza la 'protezione' del rating il più delle volte occorrono determinate condizioni: un brand conosciuto, la quotazione in borsa, il più delle volte un rating implicito 'investment grade'.

Tra i bond unrated collocati quest'anno nella zona euro ci sono quelli di Heineken (HEIN.AS) con un'emissione a inizio anno a 5 anni che ha offerto un rendimento pari a 437 pb sul midswap e una in questo giorni a sette anni con uno spread attorno a +160 pb. Inoltre sono usciti Rallye (GENC.PA) (5 anni con spread 590 pb), Lagardere (LAGA.PA) (5 anni, spread a 220 pb), Christian Dior (DIOR.PA) (5 anni, spread +115 pb).

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below