Banca Inghilterra lascia tassi invariati a 5%

giovedì 7 agosto 2008 13:22
 

LONDRA (Reuters) - La Banca d'Inghilterra ha deciso di mantenere invariato al 5% il tasso di riferimento britannico, una mossa dettata dalla necessità di combattere l'inflazione a fronte di un deterioramento della crescita.

Perfettamente in linea alle attese, la decisione non è stata accompagnata da alcun comunicato dell'istituto centrale.

In un sondaggio condotto da Reuters presso 76 economisti la conferma dei tassi era stata prevista dall'unanimità del campione, mentre una chiara maggioranza vede il 5% almeno fino al termine del 2008 seguito da un taglio a 4,75% nel corso del primo trimestre 2009.

L'economia britannica sta affrontando un periodo di forte difficoltà, con la fiducia dei consumatori crollata ai minimi da 30 anni e i prezzi delle case in calo del 9% dai massimi di ottobre.

L'inflazione si è attestata a luglio al 3,8%, livello massimo dal 1997 e quasi doppio rispetto al target della banca centrale di 2%.

Le minute della precedente riunione hanno mostrato un'insolita divisione all'interno del comitato di politica monetaria, con un membro favorevole al rialzo, uno orientato a un taglio e sette per la conferma dei tassi.