7 luglio 2009 / 13:33 / 8 anni fa

PUNTO 2- Conti pubblici, exit strategy sarà collettiva- Tremonti

(cambia titolo e riscrive attacco, aggiunge commenti e dettagli al termine di conferenza stampa ministro)

BRUXELLES, 7 luglio (Reuters) - La rimozione delle misure espansive mirate al rilancio della crescita economica va a parere dell‘Italia affrontata e messa a punto dall‘Europa in sede collettiva, per quanto al momento nessuno stia veramente pensando ad attuarla.

Lo spiega il ministro dell‘Economia Giulio Tremonti, tenendo a precisare che a differenza di molti partner comunitari i provvedimenti messi in campo da Roma - che ha precisi vincoli alla luce dell‘elevato debito pubblico - sono a favore delle imprese e non del sistema bancario.

Sugli effetti dei provvedimenti a favore del credito, dice il ministro al termine del consiglio Ecofin, il ministro sentirà comunque già domani l‘autorevole parere dell‘Abi.

“L‘exit strategy sarà collettiva e non soltanto nazionale ma per adesso nessuno si pone il problema... per noi la sede è comunque collettiva” spiega.

L‘esperienza insegna inoltre - tiene a precisare il ministro italiano - che le ampie misure di sostegno messe a punto da molte capitali europee a sostegno del sistema creditizio si sono finora tradotte soltanto in una lievitazione del deficit e del debito pubblico, mentre tenendo conto del contenuto indebitamento privato “la posizione dell‘Italia è migliore di quanto si immagini”.

Il commissario Ue agli Affari economici e monetari Joaquin Almunia ha ripetuto ieri sera che è prematuro rimuovere le misure di stimolo fiscale ma opportuno aprire un dibattito su come iniziare a farlo non appena ripartisse la crescita.

CONTRIBUTO ITALIA A G8 SU REGOLE HA RISCONTRI POSITIVI

Respingendo al mittente le critiche di immobilismo e scarsa chiarezza dell‘agenda per la riunione che si apre domani a L‘Aquila sotto auspici che non si profilano come i migliori, Tremonti passa quindi a citare il contributo italiano al G8.

Particolare importanza e riscontro positivo da parte degli “altri Tesori”, spiega, l‘aver posto “la questione delle regole” - altimenti detta ‘Lecce framework’ dall‘ultimo vertice della città pugliese - insieme alla ‘de-tax’ su donazioni e attività di volontariato e alla finalizzazione del vaccino contro lo pneumococco.

Rivendicando una posizione molto filoeuropea, il ministro si sofferma quindi sull‘appoggio italiano a un seggio unico dell‘Unione in seno al consiglio del Fondo monetario internazionale, altro tema di cui il consiglio Ecofin ha dibattuto senza naturalmente arrivare a un‘intesa.

“Dipendesse da me l‘unico seggio sarebbe quello europeo, l‘impressione è tuttavia che chi ha un seggio lo voglia fermamente conservare”.

Francia e Germania, ha fatto sapere il ministro tedesco Peer Steinbrueck, sono infarri fermamente contrarie a una singola rappresentanza europea in sede Fmi.

NESSUN ALLARME MERCATO LAVORO MA NUOVI SEGNALI SPECULAZIONE

Ieri il presidente dell‘Eurogruppo, Jean Claude Juncker, è tornato a parlare del rischio di una “crisi sociale” per i 16 paesi dell‘euro, riflesso della battuta d‘arresto nella crescita e del conseguente aumento della disoccupazione. “Da noi francamente non è allarme, i dati sono di tenuta in alcuni casi confortanti. Non è un problema dell‘Italia”, ha detto in proposito Tremonti.

Il ministro ha anche chiarito che dalla Svizzera non è ancora giunta alcuna risposta alla lettera inviata dall‘Italia a fine maggio a proposito delle società anonime usate come schermo da soggetti fiscali italiani.

Un ultimissimo accenno va alla possibilità di una candidatura del ministro italiano alla presidenza dell‘Eurogruppo, il consesso dei ministri finanziari Uem alla cui guida non è ancora chiaro possa rimanere o meno il lussemburghese Jean-Claude Juncker.

“Tenetemi informato voi - scherza con i cronisti - abbiamo u presidente capace, rispettato a autorevole... se ci sono novità però chiamatemi”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below