PUNTO 1-Fisco, Italia e Vaticano sono vicini all'accordo - fonte

martedì 31 marzo 2015 18:16
 

* Schema accordo ricalca modello Ocse su scambio informazioni, riguarda anche passato - funzionario Tesoro (aggiunge dettagli)

di Philip Pullella

CITTA' DEL VATICANO, 31 marzo (Reuters) - Italia e Vaticano sono vicini a raggiungere l'intesa sullo scambio di informazioni fiscali e la trasparenza finanziaria.

L'annuncio ufficiale potrebbe arrivare già questa settimana o dopo Pasqua, riferisce un alto prelato chiedendo di restare anonimo.

L'accordo servirà ad evitare che in futuro l'extraterritorialità vaticana possa fare da scudo per operazioni di riciclaggio del denaro sporco o evasione fiscale e renderà più agevole per la magistratura italiana accedere a informazioni utili per la prosecuzione di inchieste in cui è coinvolta la criminalità organizzata.

Il primo a rivelare l'esistenza di trattative è stato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi: "Quello che abbiamo fatto con la Svizzera, con Montecarlo o con il Liechtenstein vogliamo farlo con il Vaticano", ha detto il 12 marzo durante un'intervista al settimanale L'Espresso.

"Ci sono molti italiani coinvolti e credo che la Santa Sede sia interessata a fare un repulisti", ha aggiunto il premier.

I negoziati tra i due Stati riguardano diversi aspetti, tra i quali figurano i movimenti di denaro di case generalizie e ordini religiosi, vere e proprie holding finanziarie.

Da quando è salito al soglio pontificio, due anni fa, Papa Francesco ha adottato una serie di misure per adeguare le finanze vaticane alla normativa internazionale in materia di trasparenza.   Continua...