Nuovo Btp 15 anni, 43,8% in italia, 20,2% in Gb/Irlanda - Tesoro

mercoledì 18 marzo 2015 17:26
 

ROMA, 18 marzo (Reuters) - Il Tesoro ha fornito i dettagli del collocamento del nuovo Btp 15 anni andato per il 34% a investitori di lungo periodo e al 43,8% a investitori italiani.

In particolare hanno partecipato all'operazione circa 270 investitori per una domanda complessiva di oltre 16 miliardi di euro a fronte degli 8 miliardi di euro emessi. Circa il 34% dell'emissione è stato collocato presso investitori con un orizzonte di investimento di lungo periodo (il 17,8% a banche centrali/istituzioni governative e il 16,2% a fondi pensione e assicurazioni). Le banche si sono aggiudicate circa il 29,4% dell'ammontare complessivo, mentre ad asset manager e fondi d'investimento è stato assegnato circa il 21,7% dell'emissione. Infine, la quota sottoscritta da hedge fund è stata pari all'11,1%, mentre quella allocata a imprese non finanziarie è stata pari al 3,8% dell'assegnato.

Il collocamento del titolo ha visto una partecipazione di investitori diversificata dal punto di vista della provenienza geografica, con una quota significativa di investitori domestici che si sono aggiudicati il 43,8% circa dell'emissione. Di rilievo è stata anche la quota sottoscritta da investitori residenti nel Regno Unito/Irlanda (circa 20,2%) a fronte di una richiesta pari a circa il 39,9% della domanda totale. Il resto dell'emissione è stata collocato in larga parte in Europa continentale (circa 25,8%), con una significativa presenza di Scandinavia (8,4%), Germania/Austria (6,5%), Francia (4,3%), Iberia (3,1%) e Benelux (1,9%). Da notare la partecipazione anche degli investitori svizzeri per una quota pari circa all'1,7%. Al di fuori dell'Europa, significativa la partecipazione degli investitori nordamericani (USA e Canada), che si sono aggiudicati il 7,1% dell'emissione. Infine, il restante 2,6% è stato assegnato ad investitori residenti nel Medio Oriente ed in Asia.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia