Francoforte, scontri vicino a nuova sede Bce, centinaia di feriti

mercoledì 18 marzo 2015 16:37
 

FRANCOFORTE, 18 marzo (Reuters) - Manifestanti anti-capitalisti si sono scontrati oggi con la polizia anti-sommossa vicino al nuovo quartier generale della Banca centrale europea a Francoforte, incendiando anche barricate ed auto.

Circa 94 agenti sono rimasti feriti dal lancio di pietre e lacrimogeni da parte di una violenta minoranza all'interno dei circa 3.500 manifestanti, ha riferito la polizia. Gli organizzatori della protesta hanno parlato di 7.000 partecipanti, di cui oltre 100 feriti dalle forze dell'ordine.

Sette volanti sono state incendiate, alcune strade sono state bloccate da pneumatici e cassonetti della spazzatura in fiamme, mentre alcuni negozi sono stati danneggiati nel centro città.

La polizia ha usato cannoni ad acqua per tentare di aprire un varco attraverso la massa di manifestanti verso l'ingresso dell'edificio. Un totale di 550 persone sono state arrestate.

Il presidente della Bce Mario Draghi si è rivolto ai manifestanti nel suo discorso alla cerimonia di apertura, ma ha detto che sbagliano il bersaglio accusando la Bce.

"La gente attraversa momenti molto difficili. Ci sono alcuni, come molti dei manifestanti oggi qua fuori, che credono che il problema sia che l'Europa stia facendo troppo poco. Ma la zona euro non è un'unione politica del tipo in cui alcuni paesi pagano permanentemente per altri", ha detto.

"Si è sempre inteso che i paesi devono essere capaci di camminare da soli, che ognuno è responsabile per le proprie politiche. Il fatto che alcuni abbiano dovuto passare un periodo difficile di aggiustamenti non è una scelta che è stata imposta a loro. E' la conseguenza delle loro decisioni passate".

I leader tedeschi hanno condannato le violenze, pur difendendo il diritto di manifestare contro la Bce.

La protesta è stata organizzata da un gruppo chiamato Blockupy, dal movimento Occupy Wall Street del 2011.   Continua...