Monetario verso chiusura secondo Ltro, brevissimo resta in negativo

venerdì 20 febbraio 2015 12:35
 

MILANO, 20 febbraio (Reuters) - Il mercato monetario si prepara alla chiusura del secondo Ltro Bce, dopo che stamattina le banche della zona euro hanno potuto approfittare dell'ultima finestra disponibile per il rimborso anticipato dei fondi prima della scadenza naturale del finanziamento.

L'appuntamento non sembra comunque generare particolare tensione sul mercato, con tassi a brevissimo che viaggiano in negativo. Né sostanziali stimoli arrivano dai riversamenti fiscali di questo mese, concentrati nelle sedute di ieri, l'altroieri e lunedì prossimo.

"Il cuscinetto di liquidità è ampio e può agevolmente assorbire aumenti delle esigenze" commenta un tesoriere, che indica un eccesso di liquidità nel sistema di 120-130 miliardi di euro, cui vanno aggiunti i circa 50 miliardi di cui finora hanno usufruito le banche greche attraverso l'Ela.

Attorno alle 12,20 italiane, su General Collateral Italia, l'overnight scambia a -0,035%, tom/next e spot/next attorno a -0,010%.

"Qualche movimento al rialzo potrebbe esserci sul fine mese, ma nell'ordine di pochi centesimi: diciamo che al momento il livello d'equilibrio del brevissimo è negativo, al massimo sullo zero, come dimostra l'Eonia, che continua ad avere fixing in negativo" prosegue il tesoriere.

Inoltre con l'inizio di marzo partiranno concretamente anche gli acquisti di titoli di Stato del programma di 'quantitative easing' della Bce, con effetti espansivi sulla liquidità.

RESIDUO A 83 MLD

Oggi la Bce ha annunciato che la prossima settimana rientreranno fondi sul secondo Ltro, quello di febbraio 2012, per 8,853 miliardi di euro: ammonta quindi a 83,1 miliardi la liquidità residua che andrà a scadenza naturale del finanziamento, giovedì 26 febbraio. Il primo Ltro era arrivato a scadenza lo scorso 29 gennaio con un outstanding meno consistente, attorno ai 40 miliardi.   Continua...