Italia, Ref vede Pil 2015 +0,7%, benefici da calo petrolio e spread

martedì 27 gennaio 2015 12:16
 

MILANO, 27 gennaio (Reuters) - Ref ha migliorato la stima di crescita per l'economia italiana per il 2015, portandola a +0,7% da +0,5% di novembre, citando i benefici derivanti dalla riduzione del prezzo del petrolio e della compressione degli spread grazie al varo di un piano di acquisto di titoli di Stato della Banca centrale europea.

"Per l'Italia la prospettiva è di un graduale consolidamento del ciclo. Siamo fra i paesi che più beneficiano della caduta del prezzo del petrolio, e che traggono un maggiore vantaggio dalla riduzione degli spread", si legge nella nota che accompagna le previsioni.

La proiezione di crescita è lievemente migliore rispetto a quella inserita dal governo nella legge di Stabilità, che si ferma a +0,6%.

"La crescita resta moderata e insufficiente per ora per determinare miglioramenti apprezzabili nel mercato del lavoro", sottolinea l'istituto di ricerca.

Per quanto riguarda i conti pubblici, sempre per il 2015 Ref prevede un rapporto deficit/Pil sotto al 2,9% contro il 2,8% indicato a novembre.

"La politica di bilancio nel nostro scenario si limita a mantenere il deficit poco al di sotto del 3% del Pil. Questa è un'incognita del quadro attuale, visto che i risultati della finanza pubblica non sono in linea, soprattutto per il 2016, con gli obiettivi concordati con l'Ue", avverte Ref.

La proiezione del rapporto debito/Pil per quest'anno migliora a 133,2% da 133,4% dell'ultima previsione, ma viene tratteggiata una puntata al rialzo nel 2016, quando il debito salirà al 134,2% del Pil.

"Il rapporto debito/Pil resta su un sentiero crescente, dato anche il quadro di bassa inflazione", si legge nella nota.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia