Fondi, CO.MO.I lancia Italy Export Credit, strumento per sostenere export

lunedì 19 gennaio 2015 15:33
 

MILANO, 19 gennaio (Reuters) - Via a un fondo di investimento specializzato finalizzato al sostegno delle esportazioni italiane. Si chiama Italy Export Credit e lo ha creato CO.MO.I, gruppo privato indipendente attivo in Italia, Svizzera e Lussemburgo nei servizi finanziari e nella consulenza alle imprese.

Italy Export Credit, si legge in un comunicato, è nato come fondo di investimento specializzato, destinato esclusivamente ai grandi investitori istituzionali: fondi pensione, compagnie di assicurazione, fondazioni.

Il fondo - spiega a Reuters il direttore generale di CO.MO.I, Gerardo Stigliani - "investirà in obbligazioni di pagamento rilasciate dalle banche dei paesi importatori che intervengono nelle transazioni commerciali con le aziende italiane esportatrici, che potranno così smobilizzare i crediti, liberandosi del rischio. L'obiettivo di raccolta è 500 milioni di euro".

Stigliani vede "uno spazio di mercato rilevanti, perché gli istituzionali hanno esigenze di diversificazione e di rendimenti plausibili. E' un fondo con rischio basso".

Stigliani sottolinea come questa iniziativa vada a soddisfare le esigenze di credito delle imprese in un segmento in cui le banche "sono praticamente inesistenti" o, quando ci sono, chiedono costi molto elevati.

Gli investitori istituzionali nella prima fase saranno "prevalentemente italiani" ed è probabile che vi sia un first closing prima del raggiungimento dell'obiettivo dei 500 milioni, soglia che, comunque, "pensiamo di non avere problemi a raggiungere nell'arco del 2015".

Italy Export Credit investirà nei cosiddetti trade finance receivables, ovvero obbligazioni di pagamento rilasciate dalle banche dei paesi importatori che intervengono nelle transazioni commerciali. Il fondo acquisterà le obbligazioni, calcolando all'atto dell'acquisto un ricavo netto in base agli elementi caratteristici dell'operazione di esportazione: durata, importo, rischio paese, rischio di credito, garanzie.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia