Monetario, brevissimo in tensione su fine mese, focus importo Tltro

venerdì 28 novembre 2014 13:22
 

MILANO, 28 novembre (Reuters) - Tassi a brevissimo in lieve tensione oltre il riferimento Bce sull'interbancario cash, in concomitanza con la chiusura del mese, a fronte di un eccesso di liquidità che nella media della settimana resta appena superiore ai 100 miliardi di euro.

La spinta verso l'alto però rientra già nelle scadenze successive all'overnight, a testimoniare come l'effetto sia essenzialmente legato allo scavalco mensile.

Intorno alle 12,50 sul cash europeo l'overnight passa di mano a 0,7/0,17%, mentre spot/next e tom/next/ risultano rispettivamente a -0,6/+0,4 e-0,5/+0,9.

Più contenuta la tensione sul comparto garantito, dove, spiegano gli operatori, gli effetti dello scavalco sono stati assorbiti nel corso della settimana.

"Chi deve rifinananziare i portafogli non aspeta gli ultimi giorni al ridosso del mese, e di fatto questo ha anticipato l'effetto scavalco, che è già smaltito", dice un tesoriere, ricordando com eil repo sia il segmento più dinamico dal punto di vista dei volumi.

Su General Collateral Italia l'overnight scambia a zero, il tom/next a 0,01% e lo spot/next a zero. Il riferimento Bce per il costo del denaro è 0,05.

"Superando lo scavalco, tutto rientra, mi aspetto un brevissimo che tenda verso lo zero la prossima settimana", dice un secondo operatore. "Del resto la liquidità in eccesso da qui a fine anno dovrebbe aumentare, comprimendo ancora di più i tassi".

La Bce è impegnata in una politica più che mai espansiva e le dichiarazioni di diversi esponenti di primo piano hanno reso sempre più concreta la prospettiva di nuove misure non convenzionali.

Il più esplicito è stato il vice presidente Vitor Constancio, che da Londra ha indicato i primi tre mesi del 2015 primo trimestre la finestra temporale in cui verrà eventualmente deciso il lancio di un programma di quantitative easing esteso ai titoli di Stato.   Continua...