PUNTO 2-Padoan conferma cessione quote Enel, Ferrovie Stato

giovedì 27 novembre 2014 17:46
 

(Aggiorna con dichiarazioni Padoan in coda)

ROMA, 27 novembre (Reuters) - Al momento più favorevole dal punto di vista del mercato il governo cederà ulteriori quote di Enel, "pur mantenendo il controllo della società".

Lo dice il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, confermando di voler raccogliere con le privatizzazioni lo "0,7% del Pil nel 2015 e per tre anni".

Il Tesoro vuole cedere fino al 6% di Enel, di cui oggi detiene il 31,24% del capitale. L'operazione ha un valore potenziale di circa 2 miliardi.

Parlando durante il Question time al Senato, Padoan conferma anche la quotazione di Ferrovie dello Stato, "di cui si prevede inizialmente l'attivazione del processo relativo a Grandi Stazioni".

Nel caso di alcune dismissioni, ammette il ministro, "ci potrebbero essere conseguenze sull'assetto occupazionale nella prospettiva di aumentare la valorizzazione" degli asset.

"Bisogna tenere conto degli strumenti a disposizione, di quelli esistenti e di quelli che eventualmente saranno introdotti per gestire situazioni di transizione dal punto di vista occupazionale", dice l'ex capoeconomista dell'Ocse.

Nella strategia di dismissione del patrimonio pubblico rientra anche la cessione di immobili, che "dovrebbe garantire un introito non inferiore ai 500 milioni annui tra il 2014 ed il 2016".

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia