November 20, 2014 / 1:02 PM / 3 years ago

PUNTO 1-Italia, Dbrs verso aggiornamento rating, focus su riforme-Barisone

3 IN. DI LETTURA

(Riscrive con nuovi commenti, contesto, cambia titolo)

MILANO, 20 novembre (Reuters) - Nel prossimo pronunciamento Dbrs aggiornerà la propria valutazione sul rating sovrano italiano, con una decisione che dipenderà dal grado di implementazione delle riforme annunciate dal governo.

Lo ha detto il responsabile rating sovrano dell'Italia di Dbrs Giacomo Barisone, intervenendo alla conferenza dedicata dall'agenzia all'Italia, tenutasi oggi a Milano.

"Nei prossimi sei mesi sicuramente Dbrs aggiornerà la propria valutazione sul rating sovrano italiano, traendo le conclusioni sull'evoluzione della situazione", ha affermato Barisone.

"Molto dipenderà se le molte riforme annunciate dal governo andranno in porto", aggiunge, sottolineando che l'opzione sarà verosimilmente tra una stabilizzazione dell'outlook e un downgrade.

Dbrs ha attualmente un rating A (low) con outlook negativo sull'Italia, unica agenzia tra le quattro seguite dalla Bce a conservare una valutazione in area 'A', preservando i titoli di Stato del paese da un peggioramento della loro valutazione come collaterale nelle operazioni di rifinanziamento a Francoforte.

Il prossimo pronunciamento di Dbrs è previsto nel 2015. Il calendario dei pronunciamenti per l'anno prossimo verrà fornito dall'Esma in dicembre.

"Il governo deve approfittare della calma che c'è ancora sui mercati per portare a termine alcune riforme in maniera convincente; se questo riuscirà si capirà nei prossimi sei mesi" afferma l'analista, ribadendo la necessità di intervenire per il rilancio della bassa produttività e della bassa crescita potenziale dell'Italia.

Finanziaria E Jobs Act Positivi, Serve Implementazione

Dbrs stima una contrazione del Pil italiano dello 0,4% quest'anno e una crescita dello 0,5% nel 2015.

"Riconosciamo che con l'ultima finanziaria, la cui portata espansiva è stata comunque già ridotta dall'Ue, il governo fa uno sforzo per ridare fiducia all'economia e affrontare in maniera più sistematica i problemi, dati i vincoli esistenti" commenta l'analista. "Anche il Jobs Act è positivo, mira a ridurre il dualismo del mercato del lavoro, ma resta il problema cronico dell'implementazione, speriamo in un'accelerazione".

Più critica la posizione dell'agenzia sul tema della spesa pubblica, dove si parla di "passo indietro del governo", tornato a "non originali e non innovativi tagli lineari".

"C'è qualche tentativo di ridurre la spesa dei ministeri, ma la spesa pubblica resta alta" conclude Barisone.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below