Legge Stabilità, tagli fiscali Renzi sono cortina fumogena-Passera

venerdì 17 ottobre 2014 14:27
 

ROMA, 17 ottobre (Reuters) - L'ex banchiere e leader del movimento Italia Unica, Corrado Passera, smonta il valore dei 18 miliardi di minori tasse annunciato da Matteo Renzi con la manovra 2015 e sostiene che l'impatto reale per famiglie e imprese sia di gran lunga inferiore, se non negativo.

"È una cortina fumogena per nascondere quasi l'opposto", si legge in una serie di appunti preparati da Passera per un incontro con la stampa.

Con la legge di Stabilità il governo ha reso strutturale, come promesso, il bonus da 80 euro per gli stipendi più bassi scattato lo scorso maggio e che costa circa 10 miliardi l'anno.

Nell'illustrare la manovra inviata a Bruxelles per il parere della Commissione Ue, Renzi ha anche detto di aver eliminato la componente lavoro della contestata imposta regionale per le attività produttive (Irap) per un risparmio di 5 miliardi per le imprese.

L'ex amministratore delegato di Banca Intesa, Poste Italiane e Cir calcola che "nella migliore delle ipotesi" i tagli fiscali siano 5 e non 18 dal momento che 10 miliardi vengono dalla conferma del bonus Irpef e 3 dal taglio Irap già approvato la scorsa primavera.

"Nessuna traccia del roboante annuncio delle eliminazione della componente lavoro dell'Irap e che varrebbe da sola 10, 12 miliardi", scrive Passera.

Le coperture rischiano poi di eliminare ogni beneficio.

I 5 miliardi di minori trasferimenti a Regioni e comuni "in parte diventeranno aumenti di fiscalità locali". Ci sono poi quelli che Passera definisce "aumenti di tasse gravi" come quelle sui fondi di investimento e sul Tfr anticipato.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia