Btp bersaglio vendite insieme a periferia, spread in volata oltre 200 pb

giovedì 16 ottobre 2014 12:45
 

MILANO, 16 ottobre (Reuters) - Seduta di passione per i
mercati periferici come quello italiano, trascinato al ribasso
insieme al sud della zona euro da una nuova ondata di timori
sulle prospettive per la crescita mondiale.
    Il movimento non risparmia naturalmente anche il cambio e le
borse, caratterizzandosi per particolare intensità e un marcato
aumento degli indici di volatilità.
    Rispetto ai livelli della chiusura di ieri - sessione
anch'essa di forte emorragia - arrivano a rimbalzare di una
trentina di centesimi i rendimenti italiani, spagnoli e
portoghesi mentre i greci estendono il rialzo a un punto
percentuale arrivando a un rendimento per il decennale di circa
il 9%.
    Ed è proprio la situazione greca a destare particolare
timore tra gli investitori, preoccupati che il governo di Atene
possa cadere in conseguenza dell'abbandono o meno del piano di
salvataggio di Ue e Fmi. Ieri, secondo una fonte governativa, il
premier Antonis Samaras ha respinto la possibilità di elezioni
anticipate e promesso la continuazione del percorso di riforme,
criticando il partito di estrema sinistra Syriza per aver
alimentato l'instabilità nel Paese e creato tensione sui
mercati.
    "La violenta correzione di oggi è una continuazione del
movimento visto ieri. Non è relativo solo all'Italia ma
all'intero comparto perfierico in cui prevale nettamente un
contesto di avversione al rischio. Probabilmente ha giocato un
ruolo importante anche il fatto che rendimento del decennale
greco è salito oltre la soglia dell'8%", spiega Alessandro
Giansanti, strategist di Ing.
    Attorno alle 12,45 il differenziale di rendimento tra Btp e
Bund sul tratto a 10 anni si attesta a 190 punti base, dopo aver
toccato quota 202, ai massimi da metà febbraio. Soltanto ieri
mattino lo spread quotava 147 punti base.
    Parallelamente il tasso del decennale italiano parte al
2,632% dal 2,437% dell'avvio di seduta.
    La seduta è intensa anche sul primario, con le aste francesi
e spagnole e con l'appuntamento italiano con il concambio.
    In offerta andranno fino a 2 miliardi del Btp novembre 2023,
cedola 9%, lanciato nel 1993, a fronte del riacquisto di Btp e
Ccteu in scadenza nel 2015 e nel 2017.
    Su Mts, in chiusura di seduta ieri il Btp in offerta oggi
 scambiava al prezzo di 156,71, per un rendimento
del 2,088%.
    Madrid ha collocato complessivamente 3,2 miliardi di euro in
titoli di Stato con scadenza 2024 e 2028 a fronte di una
forchetta di offerta era tra 2,5 e 3,5 miliardi. Parigi invece
ha collocato complesivamente 7,497 miliardi in Oat con scadenza
2017,2018 e 2019.
    
    
============================= 12,45 ============================
FUTURES BUND DIC.          152,22   (+0,41)
FUTURES BTP DIC.           127,12   (-3,0)
BTP 2 ANNI  (AGO 16)    105,149  (-0,530)  0,835%
BTP 10 ANNI (SET 24)   109,846  (-2,135)  2,632%
BTP 30 ANNI (SET 44)   115,405  (-3,650)  3,917%
========================= SPREAD (PB)===========================
                                               ULTIMA CHIUSURA
TREASURY/BUND 10 ANNI   126           129
BTP/BUND 2 ANNI           91            64
BTP/BUND 10 ANNI       190           165
livelli minimo/massimo             163,7-203,2   145,3-172,6
BTP/BUND 30 ANNI       234           211
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   179,7         183,5
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  128,5         133,2
================================================================
    
 
 -  Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia