SINTESI-Legge Stabilità, correzione resta di 0,1 punti Pil - Padoan

martedì 14 ottobre 2014 18:23
 

* Fonte Ue ribadisce: la correzione è insufficente

* Padoan: "dialogo aperto con la Commissione europea"

* Delrio: non ci faremo sorprendere (Accorpa pezzi, aggiunge Delrio e contesto)

di Giuseppe Fonte

LUSSEMBURGO/ROMA, 14 ottobre (Reuters) - Il governo italiano per ora non cede alle pressioni della Commissione europea e conferma che domani, al momento di varare la legge di Stabilità, la correzione del deficit strutturale sarà limitata a 0,1 punti percentuali di Pil nel 2015.

La presa di posizione arriva dal ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, mentre si moltiplicano i segnali di una possibile bocciatura dell'Europa.

"Le nostre relazioni con la Commissione europea sono sempre state molto costruttive. Noi teniamo fede alle regole, sfruttiamo la flessibilità delle regole e avremo un dialogo aperto come sempre con la Commissione", ha detto Padoan al termine dell'Ecofin.

L'esecutivo ha rinviato di un anno, al 2017, il pareggio di bilancio al netto del ciclo economico e delle una tantum. Con un'economia per la terza volta in recessione dal 2008, ha detto Padoan nei giorni scorsi, le correzioni di bilancio possono provocare l'avvitamento in una "spirale perversa, che potrebbe generare recessione e nuova disoccupazione".

In ogni caso, spiegano fonti politiche, il governo è pronto ad accantonare risorse in bilancio per aumentare la correzione di pochi decimi, nel caso in cui i negoziati con Bruxelles dovessero avere un esito negativo.   Continua...