Legge stabilità, Italia non ha niente da negoziare con Bruxelles - Gozi

martedì 14 ottobre 2014 14:21
 

ROMA, 14 ottobre (Reuters) - L'Italia non ha nulla da negoziare con la Commissione europea sui conti pubblici, dopo l'annuncio dell'intenzione di rinviare al 2017 il pareggio di bilancio strutturale.

Lo ha detto a Reuters il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle Politiche comunitarie, Sandro Gozi.

"Stiamo lavorando sulla legge di Stabilità applicando le norme del Patto di stabilità e crescita e dato che applichiamo le norme - non agiamo in deroga - non riteniamo che si debba negoziare nulla con le autorità Ue", ha risposto Gozi alla domanda se fosse in vista un compromesso con la Commissione su un rientro più veloce del deficit strutturale rispetto a quanto definito nella nota di aggiornamento al Def.

A fine settembre il governo italiano, presentando il nuovo quadro di bilancio, pur confermando l'impegno a non sforare il tetto del 3% per il deficit/Pil, ha avanzato la richiesta all'Europa di poter raggiungere nel 2017 anziché nel 2016 il pareggio di bilancio strutturale, al netto del ciclo e delle una tantum.

All'osservazione che secondo la Banca d'Italia l'approvazione da parte di Bruxelles non è scontata, Gozi ha risposto: "Ringraziamo Bankitalia per l'avvertimento, ognuno fa il suo lavoro. Noi facciamo il nostro di governo che applica le regole tenuto conto del nuovo contesto strategico e anche dell'emergenza della crescita che non è solo dell'Italia ma di tutta la zona euro".

"Anche gli ultimi dati di stamattina della Germania lo confermano. Quindi è evidente che siamo in recessione, che la situazione economica dell'eurozona si è degradata rispetto a sei mesi fa, non ci sono neppure le precondizioni economiche di sei mesi fa", ha precisato il sottosegretario.

La fiducia di analisti e investitori tedeschi, misurata dall'indice Zew, è scesa a ottobre sotto lo zero per la prima volta in quasi due anni, lasciando supporre che la principale economia europea stia risentendo della crisi fuori dai propri confini, della debolezza della zona euro e dei deboli dati della Germania.

"Stiamo definendo in queste ore la legge di Stabilità, poi la invieremo a Bruxelles e vedremo quale sarà la loro reazione", ha concluso Gozi.

(Roberto Landucci)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia