14 ottobre 2014 / 11:50 / 3 anni fa

PUNTO 2-Finmeccanica, con eventuale taglio rating difficile gestione debito-Ad

(Aggiunge background su debito e rating, dichiarazioni Ad su divisioni)

ROMA, 14 ottobre (Reuters) - Un eventuale taglio da parte delle agenzie di rating del titolo di merito di Finmeccanica sarebbe “molto pesante” per la gestione del debito, considerato “alto”.

Lo ha detto l‘amministratore delegato Mauro Moretti nel corso di una audizione in commissione Industria del Senato.

“Un eventuale taglio del rating da parte delle agenzie di rating sarebbe molto pesante” perché Finmeccanica ha un debito “alto”: “L‘indebitamento reale supera i 5 miliardi, gli interessi si pagano sull‘indebitamento reale non su quello nominale di fine anno intorno ai 3 miliardi”, ha detto Moretti nel corso del suo intervento introduttivo.

Moretti aveva in precedenza ricordato come Standard & Poor’s ha tagliato l‘outlook dell‘azienda da stabile a negativo. Finmeccanica ha una previsione di indebitamente netto a fine 2014 di 4,3 miliardi e, al 31 dicembre 2013, aveva un indebitamento netto di 3,9 miliardi. S&P il primo ottobre ha confermato il rating a medio lungo a BB+ ed ha, così come Moody’s e Fitch, un outlook negativo.

L‘Ad ha detto che suo compito, da quando è arrivato nella scorsa primavera, è quello di “ristrutturare” il gruppo vedendo dove “è ragionevole investire perché c‘è certezza del ritorno dell‘investimento. Stiamo quindi facendo un piano industriale che presenteremo all‘azionista”.

RISTRUTTURAZIONE GOVERNANCE IN DIVISIONI

“Parallelamente stiamo ristrutturando la governance che in Finmeccanica è particolarmente antiquata”, ha aggiunto l‘Ad dicendo di avere trovato “tante cose isolate che si confrontano sul mercato con aziende dove tutto è invece integrato”.

“Il grande problema è riuscire a farne un‘azienda normale. Sicuramente in questa fase pensare di mantenere una governance come quella che ho descritto è fuori mercato”, ha aggiunto Moretti riferendosi al suo programma di riunire le varie aziende nelle quali è attualmente diviso il gruppo in un‘unica azienda composta da varie divisioni.

“Le divisioni non avranno più la libertà di scegliere autonomamente le capacità di investimenti e di ricerca in modo da evitare le sovrapposizioni. Le divisioni non sono ancora state definite ma partono dalle divisioni oggi esistenti in azienda. Non possiamo permetterci oggi di convergere su un cliente al quale ci presentiamo in quattro”, ha aggiunto Moretti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below