Grecia, tassi in calo dopo FT su Draghi pronto a sollecitare acquisto prestiti 'junk'

mercoledì 1 ottobre 2014 10:41
 

LONDRA, 1 ottobre (Reuters) - I rendimenti dei governativi greci sul tratto a dieci anni sono scesi sensibilmente sulla scia delle indiscrezioni stampa secondo cui Mario Draghi sarebbe pronto a fare pressioni perché la Banca centrale europea acquisti prestiti delle banche greche e cipriote con rating 'Junk'.

Secondo quanto scrive il Financial Time, citando persone a conoscenza della situazione, il consiglio della Bce proporrà che gli attuali requisiti sulla qualità degli asset accettati dalla banca vengano ammorbiditi per permettere all'Eurotower di acquistare debiti ristrutturati, o parti più sicure di cartolarizzazioni greche e cipriote.

Il rendimento del decennale greco è sceso di 38 punti base al 6,27%.

"Questo indica che c'è ancora sostegno dai creditori ufficiali. Vogliono evitare che la Grecia deragli ancora", spiega lo strategist di Ing, Alessandro Giansanti.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia