Lavoro, Renzi tenta di muovere il Pd contro simbolo sinistra

lunedì 29 settembre 2014 15:17
 

* La direzione del Partito democratico si riunisce alle 17

* Renzi dovrà spiegare come intende cambiare l'articolo 18

* Sindacati e minoranza interna sul piede di guerra

di Roberto Landucci e Francesca Piscioneri

ROMA, 29 settembre (Reuters) - Matteo Renzi riunisce oggi pomeriggio la direzione del Partito democratico per superare uno dei simboli della sinistra italiana, l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori.

La norma, approvata all'apice del boom economico nel 1970 e ritoccata in piena bufera finanziaria nel 2012 dal governo di Mario Monti, protegge i dipendenti delle aziende con più di 15 dipendenti contro i licenziamenti senza giusta causa, ma non quelli assunti nelle piccole o con contratti precari. Attualmente per i licenziamenti di tipo discriminatorio è previsto il diritto alla reintegra mentre per i casi di licenziamenti disciplinari o per ragioni economiche il giudice può optare per il reintegro o l'indennizzo, in caso di ricorso da parte del lavoratore.

Per quanto il ricorso all'articolo 18 da parte dei lavoratori licenziati sia marginale, da più di un decennio è oggetto di aspri scontri tra governo e sindacati e all'interno dei partiti e delle stesse organizzazioni dei lavoratori.

In un disegno di legge delega sulla riforma del mercato del lavoro all'esame del Senato, il governo ha proposto l'introduzione di un contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti per i neo assunti che ha messo in dubbio la sopravvivenza dell'articolo 18 nella sua forma attuale.

Alla direzione del Pd Renzi dovrebbe indicare verso quale direzione intende andare.   Continua...