16 settembre 2014 / 15:19 / 3 anni fa

Unicredit, Intesa, progetto ristrutturati con Kkr slitta a 2015 -fonti

di Cristina Carlevaro

MILANO, 16 settembre (Reuters) - Rischiano di allungarsi ulteriormente i tempi per realizzare il progetto sui crediti ristrutturati al quale stanno lavorando da mesi Unicredit , Intesa Sanpaolo e Kkr e che potrebbe vedere la luce non prima del primo trimestre 2015.

Lo riferiscono a Reuters due fonti a diretta conoscenza del dossier.

"Si potrebbe firmare entro l'anno e mettere in piedi la struttura nel primo trimestre (del 2015) ma non si farà assolutamente entro l'anno", ha spiegato una delle fonti.

Secondo le fonti, tra Intesa e Unicredit c'è pieno accordo, i problemi stanno sorgendo con Kkr. In particolare, sottolineano, gli ostacoli riguardano soprattutto il trattamento fiscale e legale applicato ai flussi di capitale che arriveranno da Kkr.

La società di investimenti Usa vorrebbe realizzare una struttura agile sotto il profilo legale e fiscale, di impronta americana, ma di difficile realizzazione in Italia.

Una terza fonte vicina alla situazione, pur riconoscendo la complessità del deal che è assolutamente nuovo per la realtà italiana, afferma che si sta continuando a lavorare per chiudere entro l'anno e fare in modo che l'operazione possa dispiegare i suoi effetti già sul bilancio 2014.

Non è stato possibile al momento avere un commento da Kkr. UniCredit e Intesa Sanpaolo non commentano.

La scorsa settimana il Ceo di Unicredit, Federico Ghizzoni, aveva detto che il progetto si concluderà entro fine anno e che si stanno mettendo a punto i dettagli legali e amministrativi. Il Ceo di Intesa, Carlo Messina, a inizio luglio aveva parlato di closing possibile per l'autunno.

Il 22 aprile scorso Intesa, UniCredit, KKR e Alvarez & Marsal hanno firmato un 'memorandum of understanding' per gestire un portafoglio di crediti in ristrutturazione.

I crediti ristrutturati da conferire nel veicolo, secondo stime non ufficiali di alcuni mesi fa, partono da un valore iniziale di 1 miliardo di euro.

Al 30 giugno scorso Intesa Sanpaolo aveva crediti ristrutturati netti in portafoglio per 2,49 miliardi. UniCredit ha nel portafoglio non core crediti ristrutturati per 2 miliardi.

(ha collaborato Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below