Btp poco mossi su dato Zew sotto attese, spread a 169 pb, male Portogallo

martedì 15 luglio 2014 12:34
 

Mercato obbligazionario poco mosso in una seduta dalla liquidità scarsa, come
negli ultimi giorni, e in cui spicca il deludente dato tedesco Zew di luglio sul
morale di analisti e investitori che spinge al rialzo l'obbligazionario tedesco.
    In tarda mattinata, il rendimento del decennale italiano si
attesta a 2,874% dal 2,872% dell'avvio di seduta e parallelamente il
differenziale di rendimento Btp/Bund sullo stesso tratto passa a
169 punti base dai 167 pb dei primi scambi.
    Dopo il deludente dato sulla produzione industriale tedesca di maggio, anche
l'indice Zew ha registrato a luglio una contrazione, scendendo a 27,1 da 29,8 di
giugno, ben al di sotto delle attese per 28, segnando il settimo ribasso
consecutivo e scivolando sui minimi dal dicembre 2012. 
    Più in generale a livello di periferia, va segnalato il nuovo peggioramento
del mercato obbligazionario portoghese che a metà mattina, sulla scia dei timori
dell'esposizione del Banco Espirito Santo alle aziende della famiglia
fondatrice, vede salire il rendimento del dieci anni al 3,88%. 
    Mentre le attese degli investitori si concentrano sulle parole che pronucerà
nel pomeriggio la numero uno della Federal Reserve, ieri sera il presidente
della Bce Mario Draghi ha detto di vedere l'inflazione in lieve crescita il
prossimo anno e nel 2016 e che i tassi della Banca centrale europea resteranno
ai livelli attuali per un ampio periodo di tempo. 
    "L'audizione [di Yellen] dovrebbe confermare le informazioni emerse dai
verbali della riunione di giugno e sottolineare che i tempi della svolta sui
tassi saranno dipendenti dall'evoluzione dei dati. Yellen dovrebbe ribadire che
gli sviluppi congiunturali sono complessivamente positivi, ma c'è ampia
incertezza sullo scenario economico, e quindi sul sentiero della politica
monetaria", si legge in un report di Intesa SanPaolo.
    Il fronte dell'offerta ha visto protagoniste Madrid e Atene con quest'ultima
che ha registrato il tasso più basso dal gennaio 2010 nell'asta di titoli a 13
settimane. Il Tesoro spagnolo ha collocato oggi titoli di Stato a sei mesi per
970 milioni di euro, con il rendimento in leggero rialzo rispetto all'ultima
asta e il bid-to-cover in calo, e 3,51 miliardi di titoli a 12 mesi, con il
rendimento in calo e il bid-to-cover invariato rispetto all'ultima asta.
 
    Nell'asta greca, il Tesoro ha collocato titoli a 13 settimane per 1,625
miliardi di euro, al tasso medio dell'1,75% dall'1,80% dell'asta precedente: il
più basso dal gennaio 2010 (1,67%). Il bid-to-cover è stato pari a 2,35 da 2,99
dell'asta precedente. 
    Sul fronte europeo, il presidente designato della Commissione Ue Jean-Claude
Juncker ha chiesto oggi durante il dibattito per la sua elezione, un programma
di investimenti pubblico-privati da 300 miliardi di euro per rivitalizzare
l'economia europea, creare posti di lavoro per i giovani e stimolare la crescita
nei prossimi tre anni. 
    
    
    
============================= 12,30 ============================
FUTURES BUND SETT.          147,88   (+0,27) 
FUTURES BTP SETT.           126,05   (+0,08)  
BTP 2 ANNI (AGO 16)     106,335  (+0,004)  0,619%
BTP 10 ANNI (SET 24)   107,840  (+0,095)  2,872%
BTP 30 ANNI (SET 44)   112,448  (+0,222)  4,073% 
========================= SPREAD (PB)=========================== 
                                         
                                               ULTIMA CHIUSURA  
TREASURY/BUND 10 ANNI  135           134 
BTP/BUND 2 ANNI           61            61          
BTP/BUND 10 ANNI       169           168 
  livelli minimo/massimo             165,4-169,4  165,5-169,2   
BTP/BUND 30 ANNI       196           195
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   225,3         225,8  
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  120,1         120,2
================================================================
    
 
 -  Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia