Italia punta a definire entro ottobre misure per flessibilità in Ue -fonte

lunedì 7 luglio 2014 12:21
 

BRUXELLES, 7 luglio (Reuters) - L'Italia punta a definire entro metà ottobre quali misure in concreto possano essere ritenute idonee a consentire l'uso della flessibilità prevista dal Patto di stabilità e crescita per il percorso di rientro del debito pubblico.

Lo dice una fonte a conoscenza della situazione, che spiega come l'obiettivo dell'Ecofin di domani, che sanicirà l'esordio del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan alla presidenza della riunione dei ministri finanziari dell'Unione europea nell'ambito del semestre a guida italiana, sia iniziare a lavorare in tal senso.

In un'intervista al 'Corriere della Sera' pubblicata domenica 6, Padoan ha ricordato che la deviazione temporanea dal sentiero di convergenza verso il pareggio strutturale è già ammessa, ove un Paese implementi le riforme strutturali.

Finora però, ha detto il ministro, "questa regola è stata usata con parsimonia anche perchè è mancato un chiarimento su quale sia l'impatto delle riforme sulla crescita. Su questo vogliamo lavorare".

L'Italia, spiega la fonte, punta a una definizione di tali criteri entro metà ottobre, quando si terrà il prossimo Ecofin formale, e i Paesi membri sono tenuti a presentare le bozze delle leggi finanziarie per il 2015.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia