2 luglio 2014 / 12:27 / 3 anni fa

PUNTO 2-Alitalia, Lupi: intesa deve essere trovata entro prossima settimana

(Aggiunge Lupi, accorpa pezzi)

di Alberto Sisto

ROMA, 2 luglio (Reuters) - Alitalia e sindacati dovranno trovare un accordo entro la fine della prossima settimana per gestire gli esuberi di personale che la compagnia emiratina Etihad ha richiesto come condizione per un suo ingresso nel capitale del vettore italiano.

Lo ha detto il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi al termine della riunione con i vertici delle organizzazioni sindacali, confederali e di categoria questa mattina al ministero.

"Si deve chiudere entro la fine della prossima settimana, anche perché il 15 l'Ad di Etihad [James Hogan] sarà in Italia. Per quella data ognuno si deve essere assunto le proprie responsabilità", ha detto il ministro.

Subito prima, il segretario dell'Ugl Giovanni Centrella, ha detto ai giornalisti che partirà dall'8 luglio la trattativa finale fra azienda, governo e sindacati.

"Da martedì 8 partirà la trattativa finale con l'azienda e il governo", ha detto Centrella uscendo dalla sede del ministero dopo l'incontro con il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi e quello del Lavoro Giuliano Poletti.

Entrando all'incontro, in mattinata, il segretario generale della Cgil Susanna Camusso aveva detto che "non esiste una trattativa prendere o lasciare".

Lupi ha spiegato che durante la riunione "dal sindacato sono arrivate proposte di riallocazione del personale nella filiera del settore".

ALTOLA' BANCHE: SENZA ADESIONE SINDACATI NO FINANZIAMENTI

Alla domanda se Poste e Adr apriranno le loro porta ai dipendenti in uscita di Alitalia, Lupi ha detto che "non è che possono assumere personale che non serve".

Il ministro ha ribadito anche che al momento i numeri sugli esuberi rimangono quelli che sono stati già diffusi.

Una fonte sindacale ha spiegato che oggi "si è aperto uno spiraglio. La trattativa che faremo con azienda e governo e i suoi risultati diventeranno vincolanti solo nel caso in cui si realizzi l'operazione di integrazione con Etihad. In questo modo non ci dovremo impegnare su tagli o altri interventi sul personale che non siano vincolati allo sviluppo".

Intanto il presidente del consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo, Gianmaria Gros Pietro, ha detto che la banca non è disposta a finanziare il nuovo piano di Alitalia senza l'adesione dei sindacati.

Facendo riferimento all'incontro di ieri alla presidenza del Consiglio, Gros Pietro - che ha parlato a margine della presentazione dell'indagine sul risparmio degli italiani - ha spiegato che "per quanto riguarda le banche ci si avvia a un accordo. Da parte nostra, abbiamo condizionato la nostra partecipazione al fatto che tutti i problemi posti da Etihad vengano risolti, a partire dagli accordi con i sindacati".

(ha collaborato Gianni Montani)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below