Argentina non è a tavolo negoziati su debito - investitori holdhout

lunedì 30 giugno 2014 16:45
 

NEW YORK, 30 giugno (Reuters) - Gli investitori che si sono rifiutati di aderire alla ristrutturazione del debito pubblico argentino - cosiddetti holdout - non hanno incontrato il governo di Buenos Aires per negoziare un accordo sul debito non onorato e hanno accusato il governo di essersi rifiutato di avviare una trattativa.

"La volontà professata dall'Argentina di negoziare con i propri creditori si è dimostrata essere solo un'altra promessa disattesa. Nml è al tavolo, pronta a discutere, ma l'Argentina ha rifiutato di negoziare qualsiasi aspetto di questa disputa", ha dichiarato Jay Newman, senior portfolio manager di Elliot Managers, parlando per conto di Nml Capital, uno dei principali investitori holdhout.

L'Argentina ha depositato il rimborso delle cedole in scadenza il 30 giugno per i bond soggetti a ristrutturazione, senza avviare il contestuale pagamento recentemente ordinato da una corte Usa agli investitori rifiutatisi di aderire.

Il governo ha fino al 30 luglio, quando scadrà il termine di 30 giorni, per giungere ad un accordo per regolare la disputa o fare default per la seconda volta in 12 anni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia