Argentina, Tfa attende arbitrato Icsid ma aperta a negoziazioni- nota

martedì 24 giugno 2014 17:47
 

MILANO, 24 giugno (Reuters) - Task force Argentina (Tfa), associazione promossa dall'Abi che raccoglie un gruppo di obbligazionisti italiani che non hanno aderito alla ristrutturazione del debito argentino, attende entro l'anno un lodo favorevole da parte dell'Icsid, il Centro internazionale per il regolamento delle controversie degli investimenti delle Banca Mondiale, ma rimane comunque aperta a negoziazioni su basi accettabili con Buenos Aires.

È quanto si legge in una nota diffusa da Tfa, dopo che l'Argentina ha annunciato la propria intenzione di presentare una proposta al giudice Usa Thomas Griesa per avviare le trattative con gli hedge fund che non hanno aderito alla ristrutturazione del debito dopo il default del 2001-2002.

"Nonostante la Tfa abbia piena fiducia negli esiti dell'arbitrato Icsid, rimane comunque aperta a negoziazioni in buona fede su basi accettabili e non imposte unilateralmente", dichiara Nicola Stock, presidente di Tfa.

"Gli obbligazionisti italiani attendono anche loro, dopo tutti questi anni, di essere invitati a una negoziazione in buona fede per raggiungere una soluzione equa ed effettiva" continua Stock.

Oggi l'Argentina ha pubblicato un annuncio sul quotidiano La Repubblica, in cui spiega di voler continuare a onorare il proprio debito pubblico, ma è impossibilitata a farlo al momento dalla recente sentenza negli Stati Uniti che impone il pagamento di 1,5 miliardi di dollari agli hedge fund che hanno fatto ricorso legale contro la ristrutturazione del debito seguita al default del paese.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia