PUNTO 1-Governo vara decreto per rinvio a ottobre prima rata Tasi

venerdì 6 giugno 2014 14:28
 

(Aggiunge nota Governo e contesto)

ROMA, 6 giugno (Reuters) - Via libera del governo al decreto legge che rinvia il pagamento della prima rata Tasi dal 16 giugno al 16 ottobre.

Il provvedimento è identico all'emendamento approvato in Senato al decreto sul taglio dell'Irpef, che difficilmente sarà convertito in legge entro il 16 del mese.

Il regime transitorio dice che il rinvio di tre mesi è valido solo nei comuni che non hanno assunto le delibere sulle aliquote entro il 23 maggio. "A tal fine, i comuni devono deliberare entro il 10 settembre le aliquote e le detrazioni", spiega la presidenza del Consiglio in una nota diffusa al termine del Consiglio dei ministri.

Nel caso in cui, per il 10 settembre, il comune non avesse ancora deliberato le aliquote e le detrazioni Tasi, l'imposta sarà dovuta applicando l'aliquota di base pari all'1 per mille e sarà versata in un'unica soluzione il 16 dicembre 2014. Sempre nel caso della mancata determinazione, la Tasi dovuta dall'inquilino sarà nella misura del 10% dell'ammontare complessivo del tributo, determinato con riferimento alle condizioni del titolare del diritto reale.

Il ministero dell'Interno erogherà ai comuni anticipazioni di liquidità per coprire i mancati incassi. L'importo, stabilisce il decreto Irpef, è "corrispondente al 50% del gettito annuo della Tasi, stimato ad aliquota di base".

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia