Btp tiene su Bund, cresce scommessa taglio Bce dopo dati Pil e inflazione

giovedì 15 maggio 2014 12:46
 

Secondario italiano relativamente ben intonato, soprattutto se
confrontato alla parallela correzione di Piazza Affari, sulla
scorta delle ultime statistiche su crescita e inflazione che
incoraggiano gli investitori a scommettere sulla mossa espansiva
Bce che sembra ormai "dietro l'angolo".
    Con un evidente distinguo tra singoli Paesi della zona euro
- si va dal +0,8% tedesco fino al -0,7% portoghese e cipriota -
la prima stima Eurostat sul Pil dei tre mesi al 31 marzo scorso
evidenzia un modesto +0,2%, esattamente la metà delle attese, a
testimonianza del perdurante stato di fragilità dell'economia.
 
    Se a questo si somma la conferma di un'inflazione che non
accenna ad accelerare, ferma ad aprile al tasso annuo di 0,7%
come a marzo e in occasione della stima flash, il
quadro è completo.
    "La Bce è stata molto esplicita e nei giorni scorsi lo è
stata per i suoi standard anche la Bundesbank... se crescita e
inflazione non ripartono - e lo si è visto nei dati di oggi -
non c'è motivo per non intervenire sui tassi", commenta
l'operatore di una banca primary italiana.
    "Le borse al momento correggono perché è chiaro che i numeri
sul Pil sono scoraggianti e perché siamo su massimi pluriennali
ma l'obbligazionario ovviamente tiene", aggiunge.
    Mentre Piazza Affari cede oltre un punto pieno, il premio di
rendimento del Btp a dieci anni sulla controparte Bund resta su
piattaforma TradeWeb a ridosso di 155 punti
base.
    Sempre di stamattina inoltre la revisione al ribasso delle
prospettive sull'inflazione per il triennio 2014/2016 da parte
dei 'professional forecaster' Bce. 
    Se dalla Bce si fano sentire nuove voci non sempre in linea
al coro - stamane il turno del consigliere esecutivo Mersch,
secondo cui per la riunione del 5 giugno prossimo tutte le
opzioni restano in discussione - Francoforte guarda con
particolare aspettativa alle stime trimestrali dello staff, che
verranno diffuse proprio in occasione del prossimo consiglio sui
tassi.
    Collocato ieri per 7 miliardi a fronte di una domanda
superiore a 20, il nuovo Btp a 15 anni marzo 2030 stringe di una
manciata di centesimi rispetto al benchmark settembre 2028, con
uno spread in area 5/6 punti base dai 10 dell'assegnazione di
ieri pomeriggio.
         
============================ 12,40 =============================
FUTURES BUND GIUGNO         145,95   (+0,11) 
FUTURES BTP GIUGNO          125,59   (+0,09)   
BTP 2 ANNI (MAR 16)     102,838  (+0,018)  0,807%
BTP 10 ANNI (MAR 24)   113,618  (+0,066)  2,912%
BTP 30 ANNI (SET 44)   112,877  (-0,058)  4,052% 
========================= SPREAD (PB)===========================
                                                 ULTIMA CHIUSURA
 
TREASURY/BUND 10 ANNI  118           117 
BTP/BUND 2 ANNI           72            73        
 
BTP/BUND 10 ANNI       155           154  
  livelli minimo/massimo            153,0-155,1   150,5-154,7   
BTP/BUND 30 ANNI       177           176
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   210,5         210,0  
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  114,0         113,1
===============================================================
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia