Btp stringono su Bund, Tesoro fa il pieno in aste metà mese

martedì 13 maggio 2014 12:38
 

MILANO, 13 maggio (Reuters) - Buona performance dei
benchmark Btp intorno a metà seduta, dopo l'asta di metà mese in
cui il ministero dell'Economia è riuscito a raccogliere
l'importo massimo di 7,25 miliardi e digerita la deludente
lettura dell'ultima indagine congiunturale tedesca.
    Un indice Zew in marcata correzione quale emerge dai dati di
aprile cementa peraltro la prospettiva di
interventi espansivi da parte della Bce.
    Una spinta al mercato viene anche indiscrezioni riportate da
Dow Jones Newswire, secondo cui la stessa Bundesbank non sarebbe
contraria a un taglio dei tassi il mese prossimo a patto che lo
giustifichino le nuove stime trimestrali dello staff.
    Ottimamente coperto intanto il quadruplice collocamento di
metà mattina, a ulteriore testimonianza di come proceda
inalterato l'appetito di carta italiana a dispetto di rendimenti
ormai al lumicino.
    Unica eccezione - ampiamente prevista - la risalita dei
tassi sul nuovo tre anni maggio 2017, 4 miliardi assegnati al
tasso lordo di 1,07% rispetto al minimo dall'introduzione
dell'euro dello 0,93% di metà aprile.  
    Il rapporto di copertura migliora a 1,53 da 1,41 del mese
scorso sia sul nuovo tre anni sia sulla riapertura del sette
maggio 2021, collocato invece al nuovo minimo della serie
partita però soltanto a gennaio.
    Interamente assegnato l'importo massimo di un miliardo anche
nel caso dei due trentennali off-the-run agosto 2034 e febbraio
2037.
   Lo strategist Ing Alessandro Giansanti mette in luce come il
risultato confermi "la buona propensione degli investitori nei
confronti della carta italiana che va oltre i fondamentali
economici, pur in miglioramento, ed è determinata essenzialmente
dalla convinzione che la Bce opererà nuove misure espansive".
    Al termine del consiglio mensile della scorsa settimana in
cui l'istituto centrale ha confermato il costo del denaro a
0,25%, Mario Draghi ha delineato uno scenario di tassi in calo -
o interventi comunque espansivi - già il 5 giugno prossimo.
    Matteo Regesta sottolinea a propria volta il cosiddetto
'overbidding' sul tre anni, prezzato oltre il mercato grigio.
    "Prosegue la forte domanda per la carta italiana da parte
dei domestici ma anche degli investitori non domestici. 
C'è però un aspetto più complesso da considerare: il forte
appetito per il Btp 3 anni da parte delle banche italiane
dipende anche dal fatto che le sofferenze non stanno scendendo;
quindi il Btp rappresenta ora una forma di diversificazione
rispetto alle sofferenze, zavorra sui bilanci bancari" spiega.
        
============================ 12,30 =============================
FUTURES BUND GIUGNO         145,03   (+0,26) 
FUTURES BTP GIUGNO          125,41   (+0,41)   
BTP 2 ANNI (MAR 16)     102,826  (+0,043)  0,821%
BTP 10 ANNI (MAR 24)   113,456  (+0,368)  2,932%
BTP 30 ANNI (SET 44)   112,860  (+0,313)  4,052% 
========================= SPREAD (PB)===========================
                                                 ULTIMA CHIUSURA
 
TREASURY/BUND 10 ANNI  120           119 
BTP/BUND 2 ANNI           71            72        
 
BTP/BUND 10 ANNI       149           151  
  livelli minimo/massimo            149,1-151,5   148,2-152,0   
BTP/BUND 30 ANNI       170           170
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   211,1         212,8  
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  112,0         109,6
===============================================================
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia