Monetario azzera tensioni dopo netto aumento eccesso liquidità

venerdì 2 maggio 2014 12:27
 

MILANO, 2 maggio (Reuters) - Mercato interbancario disteso, comodamente appoggiato su un cuscinetto di fondi in eccesso più che raddoppiato la scorsa settimana grazie all'effetto concomitante dei due finanziamenti pronti contro termine Bce e del drenaggio soltanto parziale.

Il sistema, stimano da una delle prime tesorerie italiane, può contare su una liquidità in eccesso pari a circa 185 miliardi di euro rispetto agli 85/90 miliardi precedenti il regolamento delle ultime tre oprazioni dell'Eurotower.

Prosegue nel frattempo al contagocce la dinamica dei rimborsi settimanali dei fondi Ltro.

Dopo i 9,579 miliardi rientrati questa settimana, gli istituti di credito della zona euro rimborseranno la prossima fondi a tre anni per soli 1,75 miliardi, ben al di sotto della mediana delle attese raccolte da Reuters pari a 6,5 miliardi.

"Qualsiasi tensione dell'ultima settimana si è stemperata grazie al regolamento dei p/t e al drenaggio decisamente inferiore al target" commenta un operatore.

Il riferimento è alle operazioni di martedì e mercoledì scorso: un'asta a sette giorni che ha rifinanziato il sistema per 172,621 miliardi, con un margine di oltre 50 sui 121,165 in scadenza, al drenaggio di soli 104 miliardi rispetto all'obiettivo di 172,5 e all'assegnazione di altri 13,193 miliardi a tre mesi, circa 8 più dei fondi in rientro.

"Oltre ad essere aumentato l'importo assegnato è molto cresciuto il numero delle banche: siamo passati da 172 a 266 sulla settimana e da 69 a 97 sui tre mesi" aggiunge l'addetto ai lavori.

Intorno alle 12,30 viaggiano in area 0,18/20% i tassi overnight sia sul mercato cash sia negi scambi 'otc' sul mercato garantito.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia