Italia, deficit 2013 confermato a 3% Pil, debito a 132,6% - Eurostat

mercoledì 23 aprile 2014 11:07
 

BRUXELLES, 23 aprile (Reuters) - Recepiscono perfettamente le indicazioni Istat i numeri Eurostat su deficit e debito pubblico italiano 2013, pari rispettivamente a 3 e 132,6 punti percentuali di prodotto interno lordo.

La statistica italiana va confrontata con la media della zona euro, sempre relativa all'anno scorso ed espressa in percentuale rispetto al Pil, pari rispettivamente a 3% per l'indebitamento netto e 92,6% - massimo dal 1990 - per il debito.

Il comunicato Eurostat mette in evidenza come in termini di debito l'Italia risulti seconda soltanto al 175,1% della Grecia, seguita da vicino dal 129,0% del Portogallo e dal 123,7% dell'Irlanda. Svetta invece nella classifica dei virtuosi il 10% dell'Estonia seguita dal 23,1% del Lussemburgo.

Quanto al disavanzo, se il 3% dell'Italia è perfettamente in linea alla media va ricordato che lo scorso anno si è chiuso con un surplus di 0,1% per il Lussemburgo, un 'close to balance' per la Germania e un passivo di 0,2% per l'Estonia.

Tra i meno disciplinati va segnalato intanto il 14,7% della Slovenia, il 12,7% della Grecia, il 7,2% dell'Irlanda e il 7,1% della Spagna.

Nel Documento di economia e finanza (Def) il governo si impegna ad azzerare nel 2016 il deficit strutturale, calcolato al netto del ciclo e delle una tantum.

Nel 2014 il saldo è indicato a -0,6% del Pil, oltre il mezzo punto che delimita il pareggio di bilancio.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia